La guerra in Ucraina pone gli agricoltori italiani di fronte a un dilemma: coltivare o vendere la propria terra per profitto?

Prima della guerra, l’Ucraina era un importante esportatore di grano, noto come il granaio d’Europa. Ora, però, l’Europa e il resto del mondo temono che le cose stiano per cambiare. L’Italia è un esempio. Questo paese fa affidamento da tempo sulle importazioni e ora i contadini siciliani affermano di poter coltivare più grano. Ma non è così semplice, perché le loro terre sono molto richieste per alternative al gas russo. Guarda un rapporto da “Focus Europa”, un progetto Digi24 e Deutsche Welle. Lo spettacolo va in onda il venerdì alle 23:30 e si ripete il sabato alle 19:30.

Un Eldorado diverso

La regione intorno a Trapani, nella Sicilia occidentale, è ricca di vento e sole. Questo è esattamente il motivo per cui c’è una sensazione di corsa all’oro nell’aria. L’architetto Antonino Mazzara afferma che la regione è un El Dorado per le energie rinnovabili.

“Tutti sono interessati: i francesi, i tedeschi, gli americani – non solo gli italiani. Le aziende internazionali vogliono investire nella produzione di energia elettrica generata dal vento e dal sole”, spiega l’architetto Antonino Mazzara.

Quando le turbine eoliche vengono messe in moto, gli affari vanno bene per l’architetto. Questo perché negozia le licenze per la terra eolica e solare. Compresi i campi dove un tempo si coltivavano i cereali.

Pochi soldi per i raccolti, ma molto per la terra

Salvatore Santangelo lo fa sempre. Qui nella Sicilia orientale, la sua famiglia coltiva il grano da generazioni. L’uomo non pensa nella sua testa di sacrificare la sua terra per un parco solare o eolico.

“Sarebbe tragico, sarebbe la fine di un prodotto coltivato naturalmente”, dice Salvatore.

Ma proprio accanto al suo campo, la strada è già segnata. Vi saranno presto eretti dei pali elettrici per un parco solare situato sotto, in pianura. Il sindaco c’è. Ha anche provato a fermare il progetto.

“Gli investitori stanno sfruttando le difficoltà finanziarie degli agricoltori. Ricevono relativamente poco denaro per i raccolti, ma molto per la terra. Chi rifiuterebbe una cosa del genere?! Ma quella sarebbe la fine della tradizione e dell’identità dell’agricoltura”, afferma il sindaco Salvatore La Spina.

Anche lo Stato italiano incoraggia gli agricoltori a cogliere questa opportunità. Ma per Salvatore Santangelo, il suo cereale è la vita stessa.

“È grano duro naturale, non trattato. Lo si nota dalla fine polvere farinosa che si attacca insieme”, dice l’agricoltore.

Quanto costa un ettaro di terreno agricolo in Sicilia?

Tornati nella Sicilia occidentale, Antonio Mazzara e suo figlio Giuseppe cercano terra. Studiano le mappe per determinare la posizione corretta delle centrali fotovoltaiche. Questa volta hanno bisogno di almeno 60 ettari di pascolo o seminativo.

“Se il terreno è buono e non ci sono vincoli di legge, il prezzo di acquisto può essere di 25.000 euro per ettaro. Per i proprietari questo è un ottimo affare”, dice Antonino Mazzara.

La famiglia Mazzara utilizza un drone per ispezionare il sito del futuro parco solare. Garantisce che non vi sia erosione del suolo che impedirebbe qualsiasi costruzione. Il parco potrebbe presto produrre energia rinnovabile.

“Puoi ottenere 100.000 euro dalla vendita di quattro ettari di terreno. Nella migliore delle ipotesi, un agricoltore guadagna solo 3.000 euro per ettaro all’anno coltivando cereali. Quindi quanti anni di lavoro ci vogliono per guadagnare i soldi che offriamo sul posto? !”, afferma Giuseppe Mazzara, informatico di professione.

Una scelta difficile e una soluzione di compromesso

Energie rinnovabili al posto dell’agricoltura? Molti siciliani temono rapidi cambiamenti nella loro isola se il gas russo viene interrotto. Ma questo crea un conflitto di interessi: poiché l’Italia non può più importare cereali da Ucraina e Russia, gli abitanti della Penisola devono coltivare loro stessi più grano. Perché senza cereali, senza pane né pasta.

“Non possiamo, per soddisfare il nostro futuro fabbisogno energetico, iniziare a trasformare i nostri campi di cereali in file di turbine eoliche e pannelli solari e distruggere il paesaggio”, insiste il sindaco Salvatore La Spina.

Sindaci e contadini chiedono un’equa remunerazione per la coltivazione dei cereali. E dicono che l’energia solare potrebbe essere prodotta da l’uso di pannelli posti sui tetti – senza sacrificare i terreni agricoli.

Antonino Mazzara non comprende le loro preoccupazioni. Vuole a tutti i costi che in Sicilia si produca energia rinnovabile.

“Dobbiamo farlo ora perché stiamo finendo il gas russo. Abbiamo energia pulita, dobbiamo solo capitalizzarla”, spiega l’architetto.

Elettricità o pane, energie rinnovabili o terreni agricoli? La guerra in Ucraina costringe anche i siciliani a fare scelte difficili.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.