Martyn Ford rivela l’oscura verità su “Hulk of Iran” che è durato solo un round nel suo debutto nel pugilato

  • Media: Speciale Digi SportMercoledì, 22:15, Digi Sport 1

  • Lega 2: Progresul Spartac – DinamoGiovedì, 18:00, Digi Sport 1

Il bodybuilder di 1,88 metri e 175 chilogrammi è durato solo 40 secondi sul ring, quando il kazako lo ha sconfitto per KO tecnico dopo che l’arbitro ha stabilito che Gharibi non era più sicuro per continuare la lotta.

Galleria fotografica

Martyn Ford ha rivelato l’oscura verità su “Hulk iraniano”

Prima della partita contro il Titano kazako, “Hulk of Iran” avrebbe dovuto combattere Martyn Ford (40). Il famoso bodybuilder americano ha annullato la lotta per paura che l’iraniano si sarebbe suicidato alla fine.

Dopo aver confermato a Ford che Gharibi non era tagliato per la boxe, l’americano ha rivelato che in realtà l’iraniano non ha mai nemmeno voluto combattere sul ring.

Ford ha accusato la dirigenza dell ‘”Iranian Hulk” di aver accresciuto le sue speranze e di averlo costretto ad accettare la lotta con il Titano kazako solo per soldi.

Galleria fotografica

“Posso tenere la testa alta ed essere orgoglioso. Devi solo guardare la lotta per capire esattamente perché mi sono ritirato. Spero solo che coloro che lo hanno incoraggiato e spinto a combattere e supportarlo ora.

Per me era più giusto dimettersi ed essere visto come un codardo che pensare a cosa sarebbe potuto succedere a quel bambino se avessimo combattuto.

Non ci sono scuse per essere dichiarato idoneo e tutti intorno a lui dovrebbero porre domande e assumersi la responsabilità di ciò che sta accadendo ora.

Non è intrattenimento, è intimidazione e si sono approfittati di un pazzo”.ha detto Ford, secondo stampa britannica.

“Hulk of Iran” ha perso la battaglia contro il Titano kazako per KO tecnico

Con una tecnica curiosa, l’iraniano è parso soffocare dopo aver sbagliato alcuni colpi e aver ricevuto un pugno dal suo avversario, e alla fine, dopo un gancio piuttosto morbido del “Titano kazako”, è crollato a terra.

L’arbitro lo ha contato fuori e Gharibi, sebbene si sia alzato, non ha continuato la lotta. Le reazioni dei netizen sono state dure nei confronti di “Hulk”: “Uno scherzo da combattente“, “Perché gli è stato permesso di usare la parola iraniano nel suo nome?” Dove “Si suicida?sono solo alcuni dei commenti

Infatti, “Hulk of Iran” ha mostrato qualche settimana fa di soffrire di seri problemi mentali, quando ha dichiarato di volersi suicidare a causa dell’umiliazione subita durante il faccia a faccia con Martyn Ford.

Etichette: Sajad Gharibi , martyn guado , Hulk iraniano , titano kazako


Segui le notizie di digisport.ro e così via Google News


La nuova app Digi Sport può essere scaricata da

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.