Vasile Dîncu: l’Italia invierà due draghe per rilevare le mine nel Mar Nero

Il ministro della Difesa nazionale Vasile Dîncu ha dichiarato martedì che l’Italia invierà due draghe marittime e una nave comando per rilevare possibili mine alla deriva nel Mar Nero e ha sottolineato che la Romania è pronta ad affrontare una situazione del genere, avendo navi ed elicotteri che pattugliano la regione.

“Al momento c’è un’organizzazione, sia dalla nostra parte che da un’organizzazione internazionale, perché questo è un incidente che non sta accadendo solo nelle nostre acque territoriali. Attualmente abbiamo 3 navi, un posamine e navi draganti che pattugliano il Mar Nero.

Inoltre, sono state prese misure per il pattugliamento aereo nel Mar Nero, ci sono elicotteri che, secondo un piano, sorvolano la regione del Mar Nero e cercano di scoprire se ci sono mine.

Al momento non abbiamo un segnale oggi, anche se ci sono fonti che annunciano che potrebbero esserci mine in mare che arriveranno più tardi sul nostro territorio e molto più tardi sul territorio della Bulgaria o nel Bosforo.

Ieri ho parlato anche con il ministro della Difesa italiano, che ha già accennato all’invio di due draghe nel Mar Nero e di una nave comando, probabilmente. Quindi siamo pronti”, ha detto Dîncu al parlamento, citato da Agerpres.

Precisa che i dragamine pattugliano e ricevono, se necessario, le mine che vanno alla deriva in mare.

“Anche noi abbiamo qualcosa del genere, ma è un’area piuttosto ampia che dobbiamo monitorare, ecco perché ne abbiamo bisogno il maggior numero possibile. La Turchia probabilmente farà lo stesso, penso che anche i bulgari”, ha aggiunto Dîncu.

Il ministro ha detto di non ritenere che “in questo momento ci sia un pericolo molto grande”, rilevando che “non sono state segnalate nuove mine”.

“So che i rappresentanti dell’esercito e del ministero dell’Interno, l’IGSU hanno contattato gli operatori economici nei porti, ad esempio per la formazione al riguardo, anche le piattaforme marittime sono state formate in itinere per difendersi in caso di una mina e penso che in questa fase non sia un pericolo ingestibile. Queste situazioni sono gestibili “, ha affermato Dîncu.

Il servizio di sicurezza federale russo (FSB) ha annunciato che 420 mine sono attualmente alla deriva nel Mar Nero dopo che diverse tempeste hanno rotto i cavi di ormeggio che fissano queste mine al fondo del mare, ha riferito Reuters il 21 marzo. Le mine erano state piazzate dai difensori ucraini nelle aree portuali per impedire alle navi russe di avvicinarsi alla costa.

Le mine provengono dalla costa di Odessa, il principale porto ucraino sul Mar Nero, e alcuni esperti ritengono che facciano parte del dispositivo difensivo posto dall’esercito ucraino per impedire alle truppe russe di sbarcare in questa città.

Le forze navali rumene stanno conducendo due esercitazioni congiunte fino all’8 aprile, per aumentare il livello di interoperabilità tra le strutture delle forze partecipanti, nonché per sviluppare procedure operative per garantire la sicurezza dello spazio marittimo e fluviale del nostro paese, secondo un comunicato stampa delle Forze navali.

La dirigenza dello Stato maggiore delle Forze navali ha disposto ulteriori misure di sorveglianza nell’area marittima di responsabilità, al fine di aumentare la velocità di reazione per combattere il pericolo di mine nel Mar Nero.

Editore: AC

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.