Un rumeno dall’Italia è sfuggito agli arresti domiciliari perché non sopportava più le discussioni con la moglie. Il giudice aveva ragione

Un rumeno di 40 anni residente in Italia è scappato dagli arresti domiciliari a causa di litigi con la moglie. Portato in prigione, il giudice si è sorprendentemente pronunciato a suo favore e ha ritenuto che la fuga non sarebbe stata un’aggravante nel caso di contrabbando che avrebbe dovuto affrontare.

Il 40enne rumeno, di Pontedera, in provincia di Pisa, accusato di contrabbando, era agli arresti domiciliari fino all’inizio del processo il mese prossimo. Ma gli scandali con sua moglie erano all’ordine del giorno, quindi non ce la faceva più e se ne andò di casa. Secondo Il Giornale.

Tuttavia, ha scelto un nuovo atto: la fuga. Ma dopo aver ascoltato la sua storia completa, il giudice si è pronunciato a suo favore e ha deciso di non accusarlo ulteriormente per la fuga.

Il rumeno è stato accusato di contrabbando di sigarette in Romania ed è stato arrestato in Italia sulla base di un mandato d’arresto europeo. Il tribunale ha deciso di metterlo agli arresti domiciliari, perché il suo atto non presenta un pericolo pubblico elevato. Ora, dopo che il giudice ha stabilito che l’uomo era sottoposto a una pressione mentale insopportabile in casa, gli arresti domiciliari sono stati sostituiti dalla reclusione e l’uomo si trova attualmente nel penitenziario di Pisa.

Editore: DC

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.