Lo stato offre 200.000 lei ai rumeni della diaspora che desiderano aprire un’impresa in Romania. Ci sono solo 79 candidati

Lo stato concede 200.000 lei ai rumeni che vivono all’estero che desiderano aprire un’impresa con due dipendenti nel paese.

Ma le persone prese di mira dicono che i soldi sono troppo pochi. Attraverso il programma “Iniziare la diaspora delle nazioni”, I beneficiari ricevono finanziamenti non rimborsabili da fondi UE. Ma finora, solo 79 persone si sono iscritte.

I rumeni si lamentano che i soldi sono troppo pochi

Claudio è in Italia dal 2012 con la moglie e due figli. Lavora in un magazzino e ci riprova nel 2017, attraverso un’altra edizione del programma “Inizio” con fondi europei, per aprire un fiorista a Timișoara.

Non fu accettato allora. Ora sta valutando se iscriversi al nuovo programma aperto alla diaspora.

Claudiu Cristea, rumeno residente in Italia: “Mi sembra molto poco per uno che lavora all’estero e vuole tornare in Romania. Anche se abbiamo idee imprenditoriali o anche se abbiamo una possibilità, è comunque una cifra molto piccola. Ci vuole avere dipendenti, avere una sede. Sappiamo benissimo che un ufficio costa, 1000-1500 euro di affitto al mese. Conosco rumeni che hanno vinto progetti nel 2017”.

Leggi anche

Liliana Nechita

Giornalista: Quali aziende?

Claudio Cristea: “Allevamento di polli, un altro un bar.”

Giornalista: E ci sono riusciti?

Claudio Cristea: “Quello con la spigola è fallito, quello con l’allevamento di polli credo vada bene.”

Finora l’unica opzione di finanziamento per gli stranieri era il Programma Generale “Inizio”. Le persone hanno ricevuto 34.000 euro da fondi europei.

Marcela e Daniel, ad esempio, sono tornati in Romania dopo otto anni trascorsi a Firenze e Londra. Ottengono finanziamenti e aprono una pasticceria a Galati.

Daniel Rousu: “Tutto è gestito da noi. Nessun architetto è venuto qui, nessun interior designer. Tutto è fatto dopo aver visto l’esterno. Ecco perché siamo andati all’estero, per imparare, sviluppare e fare qualcosa nel paese che ci ha cresciuto ed educato”.

Condizioni per i rumeni della diaspora che vogliono aprire un’impresa

Per questo nuovo programma, il budget totale stanziato dallo stato rumeno è di 200 milioni di lei e i beneficiari ricevono 200.000 lei al più tardi entro dicembre, alle seguenti condizioni:

►Dimostrare che risiedono in un altro stato e che l’attività è stata aperta quest’anno

►Gli stipendi non devono superare i 60 mila lei.

►Per due anni, i proprietari non possono vendere o alienare più del 49% dell’attività.

►L’azienda deve avere due dipendenti.

Finora, solo 79 rumeni si sono iscritti a questo programma. Molti vogliono aprire le proprie tintorie, lavanderie, fioristi o vari negozi e ristoranti.

Constantin Daniel Cadariu, Ministro dell’imprenditoria e del turismo: “Probabilmente c’è un’area di sfiducia da parte loro, ma non ci scoraggiamo. Abbiamo avvertito tutte le ambasciate, abbiamo messo in azione tutti i nostri addetti attraverso il ministero e nelle missioni diplomatiche, abbiamo chiesto aiuto ai parlamentari della diaspora e agli eurodeputati”.

Chi lo desidera può ancora iscriversi fino al 1 settembre al portale dei contributi alle PMI.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.