L’Europa, con i suoi vigneti di fronte all’ondata di caldo. ‘Adattarsi ai cambiamenti climatici’, parole sulla carta

L’Europa era impreparata al caldo estremo che ha vissuto in quel mese infernale di luglio. Questo è chiaro dal bilancio dell’ondata di caldo finora: più di 2.000 persone sono morte in Spagna e Portogallo e il numero dovrebbe aumentare quando i dati saranno resi noti in Francia, Regno Unito, Belgio e Paesi Bassi. come nella maggior parte dei paesi dell’Europa centrale e orientale. dove il caldo è persistito nel fine settimana.

La mancanza di preparazione dell’Europa è stata pienamente dimostrata quando gli incendi massicci si sono diffusi in Francia, Spagna, Grecia e Portogallo la scorsa settimana e, invece di schierare ulteriori aerei antincendio, l’Unione Europea stava negoziando per acquistarli.

Non ci sono risposte per un pianeta caldo

L’impatto dell’ondata di caldo sull’economia in generale è stato anche visibile: l’energia, i trasporti e le infrastrutture tecnologiche hanno faticato a funzionare a temperature superiori ai 40 gradi Celsius.

Al livello più alto, i governi europei semplicemente non riescono a pianificare adeguatamente le risposte a un pianeta più caldo. Tutti i paesi dell’UE hanno elaborato piani nazionali su come intendono affrontare il cambiamento climatico. Ma questi sono spesso sottosviluppati e non finanziati.

Secondo il diritto dell’UE, ogni paese membro deve segnalare quanto spende per il cosiddetto “adattamento ai cambiamenti climatici”, in totale e per settore. Un’analisi di Politica i rapporti mostrano che 20 paesi su 27 non forniscono o forniscono pochi dettagli sui loro piani di spesa.

Il caldo è il disastro naturale più mortale in Europa. Negli ultimi quattro decenni, secondo i dati dell’Agenzia europea dell’ambiente (AEA), sono morte tra le 76.000 e le 128.000 persone a causa delle ondate di caldo.

Ma il numero più alto di decessi legati al caldo negli ultimi decenni non si è verificato in Spagna o in Italia tipicamente calde, ma in Germania, sottolineando il ruolo svolto dalle politiche e dalla preparazione locali.

Secondo l’OMS, meno della metà dei 27 paesi dell’UE ha piani d’azione per gestire gli effetti sulla salute del caldo estremo e di quelli che lo fanno, più della metà è sottofinanziata.

“La discrepanza tra il livello di pericolo e il ritmo dell’azione è scandalosa”, ha affermato Martin Herrmann, medico di Monaco e presidente dell’Alleanza tedesca per la protezione del clima e la salute, una rete di operatori sanitari.

Alcuni paesi hanno iniziato ad agire dopo un’ondata di caldo mortale nel 2003. La Francia ha adottato un cosiddetto piano per l’ondata di caldo per allertare e proteggere meglio i residenti; molte delle sue autorità cittadine hanno anche registrato i loro cittadini più vulnerabili in modo che possano contattare i consulenti sanitari quando si avvicina un’ondata di caldo.

Burocrazia con il fuoco dietro la testa

Cinque anni dopo che il ministero dell’Ambiente tedesco aveva chiesto piani d’azione locali per combattere il caldo, un sondaggio del quotidiano Die Zeit su 300 autorità distrettuali tedesche ha rilevato che l’80% di loro non aveva un protocollo in atto.

Il paese è anche impreparato ad affrontare gli incendi alla velocità e alla scala con cui ora coprono vaste aree di terra. Nella sola Renania settentrionale-Vestfalia, in quattro giorni sono scoppiati 11 incendi.

Anche se si precipitano a raggiungere campi e foreste in fiamme, i vigili del fuoco devono affrontare un groviglio di burocrazia, ha affermato Ulrich Cimolino dell’Associazione tedesca dei vigili del fuoco.

I capi di brigata devono richiedere elicotteri antincendio al locale centro di comando, che deve chiedere l’approvazione del governo regionale, che deve richiedere al ministero federale dell’Interno, che quindi verifica se sono disponibili al volo piloti della polizia regionale o federali o militari. .

Nella migliore delle ipotesi, questo processo richiede una o due ore, ha detto Cimolino ai media tedeschi. Ma alcuni stati richiedono anche la compilazione di moduli, durante la propagazione dell’incendio, il che significa che l’approvazione può richiedere diverse ore.

In contrasto con la Grecia, dove le autorità questa settimana hanno inviato 15 aerei per combattere gli incendi nell’area di Atene entro 26 minuti dalla localizzazione dell’incendio, ha riferito il quotidiano Kathimerini.

Infrastrutture e cyberspazio, colpo

In molte parti d’Europa, a seguito dell’ondata di caldo, le infrastrutture critiche hanno ceduto all’aumento delle temperature. A Londra, l’aeroporto di Luton ha dovuto sospendere i voli dopo che il caldo ha danneggiato la pista. Gran parte del sistema ferroviario del Regno Unito è stato chiuso. In Olanda Amsterdam è ricorso a spruzzare acqua sui ponti per mantenerli operativi, mentre in Italia le linee autostradali e ferroviarie che collegano Trieste al resto del Paese hanno dovuto essere chiuse a causa degli incendi boschivi che hanno colpito la regione.

In Francia e Belgio le centrali nucleari sono state chiuse o ridotte perché l’acqua di raffreddamento è diventata troppo calda.

Anche il cyberspazio non è immune dal caldo. La scorsa settimana, la divisione cloud di Google e Oracle ha subito “interruzioni” delle unità di raffreddamento nel Regno Unito – Oracle ha citato “temperature insolitamente elevate per questa stagione” come causa.

I data center europei, che alimentano ogni tipo di attività Internet quotidiana, sono difficili da mantenere calmi nel migliore dei casi. Questo è uno dei motivi per cui i data center di alcune delle più grandi aziende tecnologiche sono stati situati nei climi settentrionali e, il più delle volte, vicino a fonti d’acqua che possono essere utilizzate per raffreddare i server.

La maggior parte delle case, adatte a trattenere il calore

Anche l’adeguamento delle infrastrutture e delle città affinché siano resistenti al calore avrà un prezzo elevato. La maggior parte delle case nel Nord Europa sono costruite per trattenere piuttosto che rilasciare il calore e generalmente non hanno unità di condizionamento dell’aria, il che significa che renderle più resistenti al calore richiederà massicci lavori di ristrutturazione.

Le case spagnole sono dotate di aria condizionata circa quattro volte di più rispetto alle case francesi. Nel Regno Unito, le stime vanno dall’1 al 5% delle famiglie.

L’ultima frontiera della formazione è nella mente degli europei. Anche se le agenzie meteorologiche hanno emesso avvisi sempre più frequenti sul rischio per la vita rappresentato dal caldo record, molte persone hanno impacchettato grigliate e crema solare, pronte per il divertimento estivo.

Sezioni della stampa britannica hanno deriso le preoccupazioni per gli anziani, i giovani e i malati, che sono molto più a rischio nelle giornate calde. In Germania, anche le istituzioni responsabili delle persone vulnerabili, come le case di cura e gli asili nido, spesso non vedono le alte temperature come una minaccia.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.