La Romania chiede aiuto all’Italia per rilevare le mine nel Mar Nero. Cosa dicono gli esperti

Una mina staccata dalla cintura di difesa marittima dell’Ucraina è stata scoperta lunedì nelle acque rumene del Mar Nero, nella regione di Capo Midia. Un pescatore si è imbattuto per caso e l’incidente ha aumentato il rischio per i diportisti.

Sempre lunedì 28 marzo un’altra mina è arrivata in Turchia, dopo che sabato una terza ha creato tensione nello stretto del Bosforo. In totale sarebbero 420. Con una situazione sempre più complicata nel Mar Nero, la Romania ha chiesto aiuto all’Italia.

La miniera ucraina stava andando alla deriva a 70 chilometri al largo nell’area di Capo Midia quando il capitano di un peschereccio l’ha avvistata. Erano le 8:10

George Ciocan, pescatore: “Stavamo tornando dalla pesca e abbiamo visto un oggetto galleggiante che sembrava una mina”.

Il comandante del pescador Olimpus 1 ha allertato le autorità attraverso i canali ufficiali e ha chiesto assistenza specialistica dopo aver visto la mina galleggiare al largo. Il luogo è stato immediatamente segnato sulle carte di navigazione in modo che i transatlantici evitassero questa zona.

Il peschereccio si allontanò dalla miniera ei comandanti di altre navi nel Mar Nero divennero cauti.

Mircea Mocanu, comandante della nave: “Ci hanno dato una posizione coordinata che si trova a circa 40 miglia nautiche davanti a Năvodari e ovviamente dobbiamo aggirarla”.

Nel frattempo, l’unica nave della Marina in grado di trasportare e posare mine è partita per l’area a rischio: il pilota “Vice ammiraglio Constantin Bălescu” e un gruppo di sommozzatori.

Alle 13:39 – dopo 5,5 ore di tensione nel Mar Nero – l’ordigno esplosivo è esploso.

La miniera che ha raggiunto le acque rumene del Mar Nero è del tipo YaM. Aveva 172 chilogrammi e una carica esplosiva di 20 chilogrammi di trinitrotoluene.

“All’arrivo nel distretto è stata individuata la miniera, classificata come di origine ucraina, dalla scorta operativa delle Forze navali ucraine, rivitalizzata nel 2020. Si tratta di una miniera utilizzata nei distretti di profondità fino a 50 metri, con un carico di circa 20 chilogrammi di tritolo (…) La missione è stata ad alto rischio, dato che è la prima volta che svolgiamo una vera e propria attività di distruzione di mine, si è svolta in tutta sicurezza, per tutto il tempo che abbiamo avuto in ricorda che il gruppo di sommozzatori era al sicuro e ha svolto attività in modo da non mettere in pericolo la vita dei militari rumeni”, ha affermato il capitano al comando Daniel Gheorma, all’arrivo della nave d’intervento militare nel porto militare di Constanta.

Si ritiene che 420 di queste imbarcazioni siano alla deriva nel Mar Nero dopo essersi staccate dalla cintura di difesa marittima dell’Ucraina nelle aree costiere di Odessa, Chernomorskoe, Yuzhnoe e Ochakov.

Le correnti occidentali portano le miniere lungo la costa della Romania fino alla regione della Turchia. Mi ci sono voluti 10 giorni per arrivare qui.

Al largo di Igneada – nella Turchia nordoccidentale – è stata scoperta un’altra mina galleggiante, la terza dopo quella scoperta sabato all’ingresso del Bosforo.

La Romania ha chiesto aiuto all’Italia per rilevare le mine nel Mar Nero.

Lorenzo Guerini, Ministro della Difesa italiano: “A seguito delle discussioni che ho avuto con il Sig. Vasile Dâncu, siamo giunti alla conclusione che è necessario completare il nostro contributo con due dragamine nel Mar Nero.

I rappresentanti dell’Istituto GeoEcoMar – che hanno analizzato le correnti del Mar Nero – affermano che al momento non c’è pericolo che le mine raggiungano la zona balneare o la spiaggia.

Il rischio sarebbe maggiore in Bulgaria.

Dan Vasiliu, direttore di GeoEcoMar: “Le nostre osservazioni mostrano una circolazione della corrente verso il mare, verso est, così che da domani e dopodomani la tendenza sarà a sud”.

Il ministero della Difesa nazionale – attraverso la Direzione dell’idrografia marittima – ha chiesto ai marinai di segnalare immediatamente eventuali oggetti simili a mine che osservano nel Mar Nero.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.