L’economia russa si contrae ancora nel terzo trimestre: cala un altro 7%

La Banca centrale russa (CBR) ha pubblicato le prime stime sull’andamento dell’economia nel terzo trimestre dell’anno (3T). Oltre a ridurre il PIL del 7%, la Banca Centrale sottolinea che l’inflazione modererà la sua crescita. D’altra parte, gli analisti della banca non si aspettano nuove gravi sanzioni imposte alla Russia, né l’inizio di una recessione globale. Date queste prospettive, è probabile che il processo di taglio dei tassi di riferimento continui, secondo il rapporto, dopo l’ultimo taglio dei tassi da parte della CBR il 22 luglio.

Figura 4% è stato il declino economico della Russia nel secondo trimestre dell’anno, ha affermato CBR nel suo rapporto

La CBR prevede una crescita moderata dell’inflazione, che raggiungerà il 14,6% annuo a fine settembre, dopo che la precedente stima indicava un’inflazione del 15,6%.

Migliori previsioni per la fine dell’anno

Secondo il rapporto “Una recessione economica più lunga ma meno dolorosa”, le previsioni aggiornate per la fine di quest’anno indicano una contrazione economica del 4-6% rispetto alla precedente previsione dell’8-10% e l’inflazione potrebbe essere di 14 al 17% . %, in calo dal 18 al 23%.

Nello scenario di base, la CBR presume che le previsioni più negative non si concretizzeranno, soprattutto perché non si aspetta nuove importanti sanzioni economiche imposte alla Russia da Stati Uniti e Unione Europea.

Il deprezzamento del rublo, impossibile da evitare

Anche CBR non si aspetta una recessione globale. “Lo scenario di base presuppone che una politica monetaria equilibrata consentirà alle maggiori economie di evitare una grave recessione. Ma i rischi di questo scenario tendono a una crescita più debole e a livelli di produzione più bassi nei prossimi trimestri”, afferma il rapporto citato. Tuttavia, il CBR ha incluso entrambe le probabilità nell’elenco dei potenziali rischi per il benchmark di previsione, indicando che entrambe le opzioni potrebbero portare ad un deprezzamento del rublo.

Q3, il picco del calo del PIL

Il miglioramento delle previsioni CBR riflette il quadro dell’economia russa che ha tenuto nel primo semestre e all’inizio del terzo trimestre più del previsto, pur affrontando la pressione delle sanzioni e l’isolamento internazionale. “Il dramma della recessione economica del 2022, in termini di profondità della caduta e di prolungata traiettoria della ripresa, assomiglia finora più alla crisi del 2015 (con un calo del 2% del PIL) che al profondo fallimento di 2009 (quasi l’8%)”, ha affermato Sofia Donets, capo economista di Renaissance Capital in Russia e CSI, come citato da intellnews.com. Le conclusioni a breve termine degli esperti si riducono al fatto che il terzo trimestre sarà il picco del calo del PIL (questo emerge anche dalle previsioni della Banca Centrale).

Lo shock petrolifero colpisce Mosca nel 2023

Ma su un “percorso recessivo più lungo”, nuovi test attendono l’economia, la più dura è la drastica riduzione delle importazioni di petrolio russo nell’UE, una misura che entrerà in vigore entro la fine dell’anno. Ciò potrebbe innescare una seconda ondata di contrazione del PIL. L’UE prevede di ridurre di due terzi le importazioni di greggio russo entro il 5 dicembre e i prodotti raffinati della stessa quantità, ma in questo caso il periodo di grazia scade il 5 febbraio 2023.

Il tasso di politica monetaria, ridotto al 7% fino a fine anno

La combinazione dell’accelerazione della recessione economica e del rallentamento dell’inflazione rende quasi inevitabili ulteriori tagli dei tassi ufficiali. La prossima riunione del consiglio di CBR sul tasso di interesse chiave si terrà il 16 settembre. L’ultimo sondaggio Reuters di fine settimana, citato da intelnews.com, suggerisce che entro la fine dell’anno il tasso sarà ridotto di un altro punto percentuale, dall’8% al 7%.

Che aspetto ha l’economia dell’UE?

Mentre l’economia russa ha registrato un calo quest’anno, il prodotto interno lordo dell’Unione Europea ha registrato un aumento dello 0,7% nei primi tre mesi di quest’anno rispetto al trimestre precedente, mentre nella zona euro ha registrato un aumento dello 0,6 %. %. Secondo gli ultimi dati Eurostat, nel secondo trimestre la crescita economica nell’area euro è salita allo 0,7%, ben al di sopra delle stime iniziali che indicavano un aumento dello 0,2%. Tra gli Stati membri dell’UE, la crescita economica più significativa nel primo trimestre del 2022, rispetto ai tre mesi precedenti, è stata registrata in Irlanda (10,8%), Romania (5,2%) e in Lettonia (3,6%), le uniche diminuzioni sono in Svezia (meno 0,8%), Francia (meno 0,2%) e Danimarca (meno 0,1%).

Germania sull’orlo della recessione

L’economia tedesca ha ristagnato nel secondo trimestre di quest’anno rispetto al primo trimestre, secondo l’Ufficio federale di statistica (Destatis), poiché la guerra in Ucraina, la pandemia e le interruzioni dell’approvvigionamento hanno portato la più grande economia d’Europa sull’orlo della recessione. Secondo una stima preliminare, il prodotto interno lordo della Germania è rimasto invariato nel periodo aprile-giugno, dopo essere aumentato dello 0,8% nei primi tre mesi dell’anno, in un contesto di inflazione record. L’inflazione in questo paese ha raggiunto l’8,5% a giugno, il livello più alto dell’ultimo mezzo secolo.

L’economia francese accelera nel secondo trimestre

Nel primo trimestre di quest’anno, la Francia, altro motore dell’economia europea, ha dovuto affrontare una crescita economica fiacca e un forte aumento dell’inflazione. La crescita economica nel primo trimestre è stata solo dello 0,1%, ma per il secondo trimestre l’Italia ha già registrato una crescita dell’1%. Entro la fine del primo trimestre, il tasso di inflazione aveva raggiunto il 4,5%, un livello che non si vedeva dal 1980.

Inflazione record anche in Italia

In Italia, i prezzi al consumo sono aumentati dell’8% su base annua a giugno, spinti dall’aumento dei costi energetici, e l’inflazione ha raggiunto il livello più alto dal gennaio 1986. Nonostante gli effetti della guerra in Ucraina sull’economia, la Banca Centrale d’Italia ha rivisto il previsione di crescita per il 2022 al rialzo a metà luglio, con l’obiettivo di un aumento del 3,2% del PIL contro il 2,6% precedentemente previsto.

1 agosto, serbatoi pieni al 69%.

Gli stoccaggi di gas dell’Unione Europea erano pieni del 69% il 1° agosto, mentre i livelli di importazione sono circa la metà della media 2015-2020. Le importazioni dalla Russia sono attualmente ben al di sotto dei minimi degli ultimi sette anni, inferiori a 1.000 metri cubi al giorno. Negli ultimi sette anni, il livello di importazione più basso durante questo periodo è stato di 2.000 metri cubi al giorno. Allo stesso tempo, le importazioni dalla Norvegia hanno compensato e sono attualmente al livello più alto degli ultimi sette anni con circa 2.800 metri cubi al giorno. Vengono inoltre importate quantità record di GNL, attualmente intorno ai 3.000 metri cubi al giorno, che hanno raggiunto i 4.000 metri cubi poco dopo l’inizio della guerra in Ucraina a febbraio.

Russia, mani sulle valvole del gasdotto

Grazie alle grandi riserve di GNL, l’Europa è ancora sulla buona strada per raggiungere l’80% della capacità di stoccaggio entro la scadenza del 1 ottobre fissata dalla Commissione europea, ma il piano potrebbe essere deragliato se la Russia interrompesse completamente la fornitura di gas. A luglio, la Russia ha ridotto del 20% il flusso di gas attraverso il gasdotto Nord Stream 1 che collega il porto russo di Vyborg al porto tedesco di Greifswald, 1.200 chilometri sotto il Mar Baltico. Il gasdotto ha una capacità di trasporto di 55 miliardi di metri cubi all’anno ed è molto importante per la Germania. Inoltre, non è stato più chiuso il gasdotto Yamal – Europa, che invia gas russo ad ovest del continente sulla rotta (Russia-Bielorussia-Polonia-Germania), con una capacità di 20 miliardi di metri cubi all’anno. a sanzioni reciproche tra Russia e Polonia. Il gasdotto viene utilizzato anche per il trasporto di gas dalla Germania alla Polonia in modalità di flusso inverso. I gasdotti ucraini continuano a funzionare, ma a velocità ben al di sotto della media di sette anni e attualmente trasportano poco più di 200 milioni di metri cubi al giorno, circa un terzo della loro capacità di trasporto, in base all’accordo di transito rinnovato nel 2019 con Gazprom. Per quanto riguarda il gasdotto TurkStream, opera al di sopra dei livelli medi degli ultimi sette anni, ma il gasdotto ha una capacità complessiva di soli 32 miliardi di metri cubi, di cui 15 miliardi di metri cubi di gas sono dedicati alla fornitura della Turchia , il resto è destinato a Serbia, Bulgaria e Ungheria.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.