Inferno di calore europeo: le nuove tecnologie possono portare la pioggia?

Euroattivo parlare di “inferno di ondata di caldo europea”:

La scorsa estate, Germania e Belgio hanno subito inondazioni catastrofiche e la Grecia è stata teatro di incendi devastanti.

Già quest’estate diverse persone sono morte per il crollo di parte di un ghiacciaio in Italia e sono state emesse allerte antincendio in Francia, Spagna, Italia, Ungheria e Norvegia.

L’Europa si trova ad affrontare una grande sfida: adattarsi alle condizioni climatiche estreme che la attendono. Più a lungo aspettano, più disastrosi saranno gli effetti.“.

Politica ha chiesto ai suoi lettori cosa pensano loro stessi del cambiamento climatico:

Tutti gli europei assistono ogni giorno all’impatto del riscaldamento globale, anche se spesso non è evidente. Allo stesso tempo, il modo in cui le persone lavorano e il tessuto delle nostre città stanno cambiando a causa degli sforzi per allontanare l’economia dai combustibili fossili e adattarsi alle mutevoli condizioni meteorologiche.

Così, ad Anversa, le querce hanno sempre più rami spogli e secchi sulle loro cime a causa degli ultimi tre o cinque anni molto secchi in Belgio.

Il riscaldamento dell’acqua sta avendo un forte impatto sulla vita marina, come sta vedendo la gente del posto in Bretagna.

Cordoba era ricoperta di polvere arancione, di origine sahariana, sono stati segnalati incendi in Corsica e nella regione di Atene…

Gli studi citati da Asso mostra che quando il clima si riscalda, la frequenza delle ondate di calore aumenta drasticamente, così come la gravità e la longevità di questi eventi.

L’aumento della frequenza, della durata e dell’intensità di questi eventi negli ultimi decenni è chiaramente legato al riscaldamento osservato del pianeta e può essere probabilmente attribuito all’attività umana.

Tageszeitung (Taz) parla della siccità in Italia e ritiene che il Paese debba abbandonare l’idea che l’acqua sia disponibile in abbondanza:

L’acqua è una risorsa rara e preziosa. Occorre realizzare nuovi invasi, ristrutturare la fatiscente rete di tubazioni in cui si perde il 40% dell’acqua potabile e non più semplicemente gettare in mare le acque depurate degli impianti di depurazione: l’Italia deve riversare miliardi in investimenti che deve pagare in fretta se non vuole rimanere all’asciutto ogni estate.”(Fonte: Eurotopics).

Soluzioni miracolose?

E Le Figaro si chiede se le tecnologie ci permetteranno di portare la pioggia…

Concretamente, sarebbero gli aerei che attraversano le nuvole a depositare piccoli razzi carichi di una miscela composta da ioduro d’argento e ghiaccio secco.

Queste sostanze consentono alle molecole d’acqua che non erano abbastanza dense da cadere sotto la pioggia di aggregarsi. Insieme possono formare goccioline che possono cadere a terra. Questa pioggia, infatti, riduce la siccità e abbassa di qualche grado le temperature. Una soluzione ideale, quindi?

Non proprio, secondo gli scienziati. Innanzitutto perché queste miscele iniettate nelle nuvole “possono avere conseguenze ambientali che ancora non conosciamo”.

Poi c’è il timore che questo processo sia inefficiente.

“Puoi iniettare quello che vuoi, in un clima così secco e soprattutto senza nuvole come attualmente in Francia”, avverte un esperto citato da Le Figaro.

“Niente causerà precipitazioni. Perché il cielo deve prima essere carico di molecole d’acqua affinché la semina sia utile. Anche se vogliamo che piova, con l’ondata di caldo che stiamo vivendo, non c’è possibilità”, continua l’esperto.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.