Il calciatore rumeno della Fiorentina è diventato pugile professionista e campione nazionale in Italia: “E’ solo l’inizio!”


“Marble Man” Cătălin Ionescu qualche giorno fa è diventato il campione d’Italia nella categoria superpiuma, il pugile 25enne rumeno vincendo il titolo per KO contro un avversario più esperto, Nicola Henchiri (32).


“La partita è stata breve, ma di grande intensità. Nella ripresa, dopo due sinistri e una serie di tiri di Ionescu, Henchiri è stato mandato a terra. Dopo essere stato contato, Henchiri ha continuato a lottare ed è stato colpito ancora e l’arbitro fermato il gioco”scrive l’agenzia italiana ANSA.


In un’intervista esclusiva per sport.roCătălin ha raccontato di come è arrivato dalla Romania in Italia, di come è passato dal calcio alla boxe, di quanto sia stato difficile il match per il titolo e di come non sia mai stato contattato dai dirigenti sportivi del nostro Paese.


Cătălin, congratulazioni per il titolo! Ma so che hai giocato a calcio per un po’, come sei arrivato in Italia e come è stato il passaggio alla boxe?

Grazie! È vero, ho giocato a calcio per circa sette anni, come terzino destro e come terzino sinistro. Sono cresciuto in un villaggio vicino a Bucarest, Cartojani, nel comune di Roata de Jos, ma sono nato ad Alessandria, perché mia madre ha avuto delle complicazioni durante il parto e ha dovuto andare in un ospedale della città.

In Italia è partito prima mio padre, e dopo un po’ sono arrivato anche io con mia madre, avevo sette anni e mezzo. Qui ho iniziato con il calcio, sono stato tesserato in due squadre, Lastrigiana e Ginestra Fiorentina.


La Ginestra Fiorentina è un club associato alla Fiorentina, satellite. In sostanza, la squadra di Serie A ha la prima opzione per rimuovere un ragazzo di talento che ha attirato la loro attenzione.

Parallelamente al calcio, dall’età di 12 anni sono andato anche alla boxe, andavo in palestra ogni estate con un amico, una volta finita la stagione calcistica.

A 16 anni ha lasciato il calcio per la boxe


Quando hai deciso di rinunciare al calcio per la boxe?

All’età di 16 anni, ho preso quella decisione e ho iniziato una nuova avventura con la boxe, e quell’anno, il 2013, ho avuto anche il mio primo incontro amatoriale. Poi ho continuato a progredire nella mia carriera di pugile e nel novembre 2017 sono diventato professionista. Finora ho 16 partite: 13 vittorie, due sconfitte e un pareggio.


Ma seguo ancora il calcio, lo sport in generale. Le mie squadre preferite sono il Milan e, come lo chiamano adesso, l’FCSB.


Parlami della partita per il titolo. Da quello che ho letto sulla stampa italiana, hai dato, ma hai anche ricevuto colpi…


(Ridere) Sì, nel secondo tempo, dopo circa 10-15 secondi, ho ottenuto circa due tiri che mi hanno allertato, per così dire. Li ho sentiti completamente, sono caduto a terra, dopo di che ho iniziato ad attaccare, ad essere più aggressivo, e con un ottimo colpo ho fatto addormentare l’avversario in piedi, come si suol dire. Il mio rivale per il titolo non l’ha mai superato e alla fine l’arbitro ha interrotto la partita e ha deciso il ko. Comunque ho vinto anche il primo tempo.

Avversario match per il titolo, sparring partner e rivale amatoriale


Conoscevi il tuo avversario nel match per il titolo, Nicola Henchiri?

Sì, ci conosciamo da anni, ci siamo anche allenati insieme. Ci siamo incontrati anche due volte da dilettanti, una volta che ha vinto, una volta che ho perso.



Ho visto che il galà si stava svolgendo a casa tua, a Lastra a Signa, vicino a Firenze. Come ti è venuta questa opzione?

La federazione italiana ha organizzato la partita, ma i nostri promotori, i pugili, hanno negoziato privatamente e sistemato tutti i dettagli, anche economici o burocratici, e hanno raggiunto un accordo. Fu così che si decise che la partita si sarebbe giocata nel comune dove abito, Lastra a Signa.

“Penso anche a un titolo europeo, una carriera continentale”


Cosa ti aspetta dopo il titolo di campione nazionale?

Devo difendere la mia cintura, la Federazione qui ci obbliga, perché organizza questi eventi. Questo sarebbe quindi il primo obbligo. Ma penso anche a un titolo europeo, a una carriera continentale. Il mio avversario, Henchiri, ha giocato lo scorso dicembre per il titolo europeo e ha perso di poco, quindi perché non provarci? Sono ancora giovane, ho grandi obiettivi e questo è solo l’inizio!


Ho notato che parli e scrivi perfettamente rumeno, anche se sei stato lontano dalla campagna sin dall’infanzia…

Cerco di non dimenticare la lingua, comunque in famiglia si parla solo rumeno. Quando ero più giovane venivo spesso in Romania, ma recentemente venivo meno spesso, una volta ogni due o tre anni.

Non è mai stato contattato da funzionari rumeni


A proposito di Romania, prima di diventare un professionista, sei mai stato contattato da qualcuno della federazione di pugilato o del comitato olimpico?

No, non c’è stato alcun contatto. Nel 2015 ho giocato alcune partite con la squadra di Târgu Mureș, poi ho parlato di più con l’allenatore del club lì, ma è finita.


Nel frattempo ho ottenuto anche la cittadinanza italiana, perché altrimenti non avrei potuto lottare per il titolo.


Penso che ogni atleta abbia un modello, qual è il pugile che ti ha influenzato di più?

Canelo è il mio modello, lo seguo, mi piace molto. E dalla Romania Bute, ricordo di aver visto le sue partite con mio padre.


E un’ultima domanda: perché “Marble Man”?

Significa “uomo di marmo” ed è un soprannome che mi è stato dato per la prima volta da un giornalista quando ho partecipato ai campionati italiani dilettantistici. Gli allenatori, e i pugili in genere, l’hanno adottata per via della mia resistenza ai colpi e della forza fisica che ho.

Foto: Facebook – Federazione Pugilistica Italiana e archivio personale

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.