I tribunali italiani prendono in giro la Romania: e i fuggitivi Oprescu sono liberi

Gli ultimi due sospetti internazionali a cui è stata concessa la clemenza dal sistema giudiziario italiano sono l’ex capo dell’amministrazione del cimitero, Bogdan Popa, e l’uomo d’affari Romeo Albu. Entrambi, come Oprescu, erano stati condannati a morte. Sono liberi in attesa di una decisione di estradizione. Proprio come Sorin Oprescu, solo in Grecia.

Leggi anche: VIDEO Seguito a livello internazionale, Mircea Nebunu va in palestra in Italia: non siamo grassi, ma siamo cattivi

Nel caso di corruzione al municipio della capitale, il direttore Cornel Bogdan Popa è stato condannato a 11 anni e 6 mesi di carcere in Romania, e l’uomo d’affari Romeo Albu, a 6 anni. I due avrebbero viaggiato in Italia.

Da leggere anche: VIDEO Anaser Duduianu, visto a livello internazionale, in diretta da Cancun: tutte le strade portano a Rahova

Condannato definitivamente a 10 anni e 8 mesi di carcere per corruzione e gruppo criminale organizzato, Sorin Oprescu è libero anche in Grecia, dove è pendente l’estradizione richiesta dalla giustizia rumena.

Quali criminali rumeni sono protetti dalle autorità italiane

I criminali rumeni condannati o sotto indagine e perseguimento internazionale, ma seduti tranquillamente in Italia, includono: l’uomo d’affari Dragoș Săvulescu, l’ex capo del DIICOT Alina Bica, l’ex colonnello SRI, Daniel Dragomir, l’ex eurodeputato del PDL, Marian Zlotea, l’uomo d’affari Ioan Bene e Mario Iorgulescu e malavita Mircea Băluș, alias Nebunu.

Tutti godevano della clemenza del sistema giudiziario italiano che rifiutava di estradarli semplicemente perché avevano la residenza italiana.

Da sinistra a destra: Romeo Albu, avvocato Antonio Del Basso, Bogdan Popa, av. Giancarlo Madonna (in camicia bianca), av. Gabriele Esposito, av. Elvira Del Giudice

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.