Politica migratoria dell’UE

Dall’apice della crisi migratoria nel 2015, l’UE ha messo in atto e continua a mettere in atto misure per migliorare il controllo delle frontiere esterne e dei flussi migratori. Pertanto, gli arrivi illegali nell’UE sono stati oltre il 90% di sconto.

L’UE ei suoi Stati membri stanno intensificando gli sforzi per istituire a una politica migratoria europea efficace, umanitaria e sicura. Il Consiglio europeo svolge un ruolo importante in questo settore, stabilendo priorità strategiche.

Sulla base di queste priorità, il Consiglio dell’UE stabilisce linee d’azione e concede mandati di negoziazione con paesi terzi. Adotta inoltre la legislazione e definisce programmi specifici.

Negli ultimi anni, il Consiglio e il Consiglio europeo hanno delineato a risposta forte pressioni migratorie.

Il calendario delle pressioni migratorie fornisce una panoramica dei principali sviluppi dei lavori del Consiglio e del Consiglio europeo:

Nell’ottobre 2015 la Presidenza lussemburghese ha attivato il meccanismo integrato per una risposta politica alle crisi (IPCR). Fornisce strumenti concreti per supportare il coordinamento della risposta politica alle crisi riunendo i principali attori.

Rotta del Mediterraneo Orientale

Si fa riferimento alla rotta del Mediterraneo orientale arrivi illegali in Grecia, Cipro e Bulgaria. Nel 2015 un gran numero di rifugiati in cerca di rifugio dalla guerra in Siria è arrivato nell’UE attraverso questa rotta.

Da allora, il numero di arrivi illegali su questa rotta è notevolmente diminuito grazie alla stretta cooperazione tra l’UE e la Turchia.

rotte occidentali

Rotta del Mediterraneo occidentale

Si fa riferimento alla rotta del Mediterraneo occidentale arrivi illegali in Spagna, sia via mare nella Spagna continentale che via terra nelle enclavi spagnole di Ceuta e Melilla in Nord Africa. Viene utilizzato principalmente da migranti dall’Algeria e dal Marocco, ma anche persone provenienti da molti paesi dell’Africa subsahariana stanno cercando di raggiungere l’Europa in questo modo.

Dopo un picco nel 2018, la Spagna ha registrato un calo degli arrivi per diversi motivi. L’investimento dell’UE in a stretta collaborazione con il Marocco contribuire a rafforzare il controllo delle frontiere e combattere il traffico di migranti.

Rotta dell’Africa occidentale

Si riferisce alla rotta dell’Africa occidentale arrivi alle Isole Canarie dell’Oceano Atlantico. Nel 2020 è diventata la rotta marittima più trafficata verso la Spagna, con 10 volte più arrivi rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Questa rotta, con partenze da Marocco, Sahara occidentale, Mauritania, Senegal e Gambia, ha rappresentato più della metà degli arrivi marittimi in Spagna.

Rotta del Mediterraneo Centrale

Si fa riferimento alla Rotta del Mediterraneo Centrale arrivi illegali via mare in Italia ea Malta. I migranti provenienti dall’Africa subsahariana e settentrionale utilizzano la Tunisia e la Libia come paesi di transito nel loro viaggio verso l’Europa. Questa rotta verso l’UE è stata la rotta più utilizzata nel 2015-2017. Dopo due anni in cui pochi migranti irregolari sono stati registrati su questa rotta, il loro numero è aumentato considerevolmente nel 2020.

L’UE ha adottato misure concrete per risolvere la situazione migratoria in Libia e affrontare le cause profonde della migrazione in Africa.

La situazione alle frontiere esterne dell’UE con la Bielorussia

A seguito dei disordini politici in Bielorussia e delle misure restrittive adottate dall’UE, nel giugno 2021 la Bielorussia ha iniziato a organizzare voli interni e viaggi verso facilitare il transito dei migranti verso l’UE, prima in Lituania, poi in Lettonia e Polonia. La maggior parte dei migranti erano cittadini iracheni, afgani e siriani.

In occasione della riunione del Consiglio europeo del 24 e 25 giugno 2021, i leader dell’UE hanno condannato qualsiasi tentativo da parte di paesi terzi di utilizzare i migranti come strumenti per fini politici. Il 22 ottobre 2021 hanno dichiarato che l’UE avrebbe continuato a contrastare l’attacco ibrido in corso lanciato dal regime bielorusso, in particolare adottando nuove misure restrittive nei confronti delle persone fisiche e giuridiche.

Grazie agli sforzi concertati dell’UE, il numero di arrivi illegali giornalieri è diminuito in modo significativo. Tuttavia, la pressione migratoria al confine rimane elevata.

Salvare vite in mare e combattere le reti criminali

Migranti e rifugiati che cercano di raggiungere l’Europa stanno intraprendendo viaggi pericolosi per la vita mentre i trafficanti ricorrono a tattiche sempre più pericolose per attraversare il Mediterraneo. L’UE ha guidato:

  • Tre Operazioni di Frontex nella regione del Mar Mediterraneo per soccorrere i migranti in pericolo e combattere il traffico di migranti
  • un operazione militare navale (IRINI) per smantellare il modello di business delle reti di traffico e tratta di esseri umani

Inoltre, nel 2016 l’UE ha istituito all’interno di Europol il Centro europeo contro il traffico di migranti per aiutare gli Stati membri a reagire con forza al fenomeno del traffico di migranti.

Come l’UE gestisce i flussi migratori

L’UE ha adottato una serie di regole e quadri di gestione flussi migratori legali nel caso di lavoratori altamente qualificati, studenti e ricercatori, lavoratori stagionali, nonché persone in cerca di ricongiungimento familiare.

Rif altri flussi migratori, l’UE dispone di regole comuni per il trattamento delle domande di asilo. L’UE firma anche accordi di riammissione per rimpatriare i migranti illegali.

Integrazione dei cittadini di paesi terzi

Le misure di trasferimento e reinsediamento adottate in risposta alla crisi dei rifugiati e dei migranti hanno evidenziato la necessità di sostenere gli Stati membri con una minore esperienza di integrazione.

Riforma delle norme dell’UE in materia di asilo

Il sistema europeo comune di asilo (CEAS) stabilisce standard minimi per il trattamento di tutti i richiedenti asilo e delle domande di asilo nell’UE. La crisi migratoria ha evidenziato la necessità di riformare le norme dell’UE in materia di asilo.

Nell’ambito di una più ampia riforma delle norme dell’UE in materia di migrazione e asilo, la Commissione europea ha proposto il 23 settembre 2020 un nuovo patto su migrazione e asilo. La proposta prevede un quadro europeo comune globale per la gestione della migrazione e dell’asilo, comprendente una serie di proposte legislative.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.