I russi bocciano il piano di pace italiano: “E’ nell’interesse della Nato”. I 4 punti del piano

L’Italia ha presentato la scorsa settimana un piano di pace in quattro punti tra Russia e Ucraina. Ma le proposte degli italiani sono state duramente criticate dall’ex presidente russo Dmitry Medvedev, secondo il quale le soluzioni si basano su indiscrezioni lette sui “giornali provinciali” e fake news, secondo Tazza. Il portavoce della presidenza russa, invece, martedì ha indicato che Mosca non ha ancora ricevuto il piano di pace proposto dall’Italia sull’Ucraina, ma spera che le venga trasmesso per via diplomatica.

Medvedev boccia il piano di pace italiano: “E’ fatto da politologi che leggono i giornali di provincia”. Peskov dice che Mosca non ha ancora visto la bozza – Profimedia Images

Il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio ha presentato il piano la scorsa settimana e ha affermato di averlo discusso con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres durante una visita a New York.

Il piano coinvolgerebbe organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite, l’Unione europea e l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, destinate a fungere da facilitatori per organizzare inizialmente un cessate il fuoco localizzato, ha affermato Di Maio in una conferenza stampa in Italia la scorsa settimana. .

L’ex presidente russo Dmitry Medvedev, attualmente vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, ha respinto il piano e altre mosse simili dell’Occidente.

“L’Occidente è ossessionato dall’ideazione di piani di pace che apparentemente dovrebbero portare a una risoluzione della crisi in Ucraina. Potrebbe non esserci nulla di sbagliato in questo se venissero offerte opzioni realistiche”. dice il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo e vicino a Vladimir Putin.

Medvedev ha respinto la proposta dell’Italia, affermando il piano “non è stato creato da diplomatici, ma da politologi locali che leggono troppo i giornali di provincia e lavorano solo con notizie false ucraine”. Allo stesso tempo, l’ex presidente russo ha criticato le idee contenute nel piano, come l’adesione dell’Ucraina all’UE e l’autonomia del Donbass e della Crimea all’interno dell’Ucraina.

“A proposito, l’Ucraina stessa non vuole negoziare. Ha preferito ignorare le proposte di pace della Russia, come se non fossero mai esistite. Dipende interamente dagli aiuti militari e finanziari dei paesi occidentali. È completamente falso. In caso di cambio di scenario dell’operazione militare, le autorità ucraine e il comando militare non si sentiranno al sicuro nemmeno nei bunker sotterranei”, ha sottolineato Medvedev. In questo caso “Le visite di PR in Ucraina di vari politici stranieri non si svolgeranno a Kiev, ma al confine con la Polonia”.

“Se vogliamo davvero proporre un accordo di pace, ci devono essere iniziative basate su calcoli chiari che riflettano la situazione attuale. La Russia ha proposto proprio un accordo del genere molto tempo fa. Le proposte di pace formulate nell’interesse della NATO e dell’ordine mondiale occidentale dovrebbe semplicemente essere ignorato”.ha concluso Medvedev.

La reazione del ministero degli Esteri russo

Il ministero degli Esteri russo ha dichiarato mercoledì che il piano di pace proposto dall’Italia era “una fantasia”.

“Non puoi fornire armi all’Ucraina con una mano e con l’altra escogitare un piano di pace. Se sperano che la Federazione Russa accetti qualsiasi piano occidentale, allora non hanno capito nulla”, ha aggiunto. ha affermato Maria Zakharova, dopo che il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio ha presentato il piano di pace in quattro punti per la guerra in Ucraina.

Che aspetto ha il piano di pace russo-ucraino proposto dall’Italia?

Il piano di pace in quattro punti proposto dagli italiani prevede un cessate il fuoco per consentire l’evacuazione dei civili e creare le condizioni per porre fine alla guerra e stabilire “una pace duratura”, ha affermato venerdì il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio. Associated Press.

Il primo punto prevede un cessate il fuoco e il ritiro delle truppe.

Il secondo punto prevede che l’Ucraina diventi un paese neutrale, con la sicurezza garantita da un gruppo di paesi da designare. I dettagli di questo punto saranno discussi in una conferenza di pace.

Terzo punto prevede un accordo bilaterale tra Russia e Ucraina per chiarire il futuro della Crimea e del Donbass. L’accordo metterebbe in risalto i diritti culturali e linguistici e garantirebbe la libera circolazione di persone, merci e capitali in queste aree. Pertanto, la Crimea e il Donbass avrebbero un’autonomia quasi completa all’interno dell’Ucraina.

Il quarto punto prevede un accordo di pace multilaterale tra l’Unione Europea e la Russia, che includerebbe un graduale ritiro delle truppe russe dall’Ucraina e la fine delle sanzioni occidentali contro Mosca.

Potete seguire le notizie dell’Observer su Google News!

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.