Aumentano i tassi di interesse anche nella zona euro. 81 banche centrali hanno alzato i tassi chiave quest’anno per combattere l’inflazione

Insieme al movimento dei tassi di interesse, la BCE ha anche presentato uno strumento finanziario che convincerà i mercati a non aumentare in modo aggressivo i costi di finanziamento per le economie vulnerabili dell’eurozona. La Banca Centrale Europea vuole evitare quello che è successo nel 2012, quando i tassi di interesse sono aumentati vertiginosamente per alcuni paesi della zona euro.

Christine Lagarde, presidente della Bce, ha dichiarato ieri che si aspetta che l’inflazione nell’eurozona rimanga alta per qualche tempo. La Banca Europea è l’ultima grande istituzione finanziaria ad aver iniziato ad aumentare i tassi di interesse, e in questa occasione gli analisti notano che sono trascorsi otto anni durante i quali i tassi di interesse sono stati a zero.

La Federal Reserve si è mossa rapidamente. Più coraggiosamente, dall’inizio di quest’anno ha iniziato ad alzare i tassi di interesse e ora sono compresi tra l’1,50% e l’1,75%, il che significa, come si può vedere a occhio nudo, tre volte di più del tasso europeo.

Inoltre, la Banca d’Inghilterra ha già iniziato ad aumentare i tassi di interesse dalla primavera di quest’anno.

Naturalmente, né la BCE né la Federal Reserve statunitense si fermeranno. Ma i funzionari europei non hanno dato, per il momento, alcuna indicazione sul tasso di crescita che applicheranno al tasso di interesse della politica monetaria.

Funzionari della BCE hanno parlato di un cosiddetto strumento di protezione della trasmissione degli interessi. Sono stati inoltre presentati alcuni benchmark relativi all’utilizzo del cosiddetto strumento finanziario. Pertanto, tutti i membri della zona euro sono ammissibili e il Consiglio direttivo deciderà se utilizzare o meno la leva finanziaria in base a diversi indicatori e tenendo conto del rispetto delle regole di bilancio a livello europeo. Ecco, probabilmente, le condizioni imposte dai trattati fiscali europei.

A prima vista, il cosiddetto strumento di protezione finanziaria assomiglia per anni al programma di acquisto di obbligazioni della BCE e dovrebbe intervenire sui mercati finanziari se il tasso di interesse di un paese della zona euro aumenta troppo rapidamente, ma in linea di principio la BCE cercherà di utilizzarli leve solo quando strettamente necessario.

Ci sono 80 banche centrali in tutto il mondo, più la BCE, che quest’anno hanno alzato i tassi di interesse nel tentativo di combattere l’inflazione. Nella zona euro l’inflazione annua ha raggiunto l’8,6%, un livello innegabilmente elevato.

Possibile crescita dell’euro

Anche l’evoluzione dell’euro sarà da tenere d’occhio, poiché l’esperienza finora mostra che un aumento del tasso guida porta anche a un rafforzamento della valuta europea rispetto al dollaro USA. La valuta statunitense è già molto vicina alla parità con l’euro, ma la decisione di ieri della BCE attirerà anche gli investitori verso l’euro, il che potrebbe portare ad un apprezzamento della valuta europea.

Naturalmente, ciò accadrà solo se i mercati finanziari riusciranno a scrollarsi di dosso alcune delle molteplici crisi che affliggono l’Eurozona, l’Unione Europea e l’economia globale. La più recente di queste è la situazione politica in Italia.

È chiaro che anche la BCE è entrata nel rialzo dei tassi di interesse. L’inflazione è una realtà che nessuna banca centrale può ignorare. Con le eccezioni che confermano la regola, ovvero Svizzera, Giappone e Danimarca, che sono rimaste con tassi di interesse sotto lo zero.

I tassi di interesse aumenteranno anche nella zona euro, proprio come negli Stati Uniti d’America o in Gran Bretagna. Negli stati dell’Unione Europea al di fuori della zona euro, le banche centrali hanno già alzato il tasso chiave a livelli elevati.

Infatti, la cosiddetta normalizzazione della politica monetaria avrà un effetto diretto sui consumatori, persone fisiche o giuridiche, ovvero un aumento dei tassi di interesse.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.