Sempre più rumeni scelgono di essere lavoratori stagionali all’estero. Guadagna anche tre volte di più che in campagna

Con l’allentamento delle restrizioni in Europa, i rumeni stanno tornando in gran numero in Germania, Italia o Spagna come lavoratori stagionali.

Alcuni si rivolgono ad aziende specializzate, altri si affidano ad amici o parenti. Nel frattempo, gli agricoltori rumeni si lamentano di essere rimasti senza forza lavoro. Ammetto, tuttavia, che i rumeni sono pagati tre volte meglio all’estero.

Un contadino vicino a Bucarest ha bisogno di almeno 50 persone per raccogliere l’aglio da 75 ettari. D’ora in poi, farà affidamento su lavoratori provenienti dall’Asia e dall’Africa.

Ionuț Olteanu, agricoltore: “Se l’anno scorso, però, ci sono stati dei rumeni che sono venuti, quest’anno è attualmente il contrario. Con la revoca delle restrizioni, con la guerra in Ucraina, le persone sono sempre più tentate di andarsene. Lo stipendio non è nemmeno un problema, questo è chiaro. che è doppio, triplo… Il fatto che lì abbiano amici rumeni significa che la comunità cresce di anno in anno e noi del Paese rimaniamo scoperti”.

Ad esempio, Petre è andato a raccogliere asparagi in Germania con suo fratello.

Leggi anche

lavoratori stagionali Romania, frutteti, agricoltori,

Operaio stagionale: “‘Il lavoro è duro, ma è un business in cui puoi guadagnare più che puoi. Puoi guadagnare circa 3.000 euro al mese, dipende dalla persona. 3.000 o giù di lì, davvero’.

Le autorità consigliano a coloro che desiderano recarsi all’estero come lavoratori stagionali di informarsi presso il datore di lavoro e la società intermediaria. Per il lavoratore i servizi di mediazione dovrebbero essere gratuiti, secondo il Ministero del Lavoro. E la partenza deve basarsi su un contratto firmato, scritto in rumeno.

E l’Agenzia nazionale per il lavoro aiuta chi vuole lavorare stagionalmente. È membro della rete EURES, una rete attraverso la quale i datori di lavoro europei comunicano ai cittadini rumeni i posti vacanti che desiderano riempire. Le persone possono ottenere aiuto da consulenti o rivolgersi direttamente al datore di lavoro.

Corina Sclarlat, portavoce ANOFM: “Al momento ci sono 444 posti di lavoro su questa piattaforma. Ad esempio, abbiamo 70 posti di lavoro in Norvegia, per i lavoratori del pesce. La lingua straniera in generale è buona da conoscere ad un livello medio, almeno un principiante, ma in una certa conoscenza di una lingua straniera non è obbligatorio”.

La situazione è più complicata se si desidera partire stagionalmente per un massimo di sei mesi nel Regno Unito. Devi richiedere un visto, che riceverai solo se hai un’offerta di lavoro dal tuo datore di lavoro e puoi dimostrare di avere £ 1.270 sul tuo conto bancario. Tuttavia, è possibile che il datore di lavoro copra i costi di mantenimento durante il soggiorno.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.