Sciopero nel settore aeronautico in Italia e Francia / Decine di voli cancellati / Colpiti anche i voli che servono gli aeroporti della Romania

Il personale di Ryanair, EasyJet, Volotea e Malta Air è in sciopero da quattro ore mercoledì in Italia, tanto che decine di voli sono stati cancellati nei principali aeroporti del Paese, informa Notizie Rai.

Sciopero anche in Francia, dove un quarto dei voli previsti per giovedì mattina all’aeroporto di Parigi-Charles de Gaulle sono stati cancellati.

Il volo Bucarest – Bergamo di mercoledì, operato da Ryanair, è stato cancellato e il volo Iași – Bergamo ha un ritardo di cinque ore, secondo l’orario dei voli su Aeroporto di Bergamo Orio al Serio.

Diversi sindacati che rappresentano piloti e hostess di alcune compagnie aeree, tra cui Ryanair, EasyJet, Volotea e Malta Air, hanno lanciato uno sciopero generale che influirà sulla normale operatività dei voli mercoledì e nei giorni successivi, dando ulteriore visibilità a un settore già in crisi per diverse settimane.

Nel comunicato relativo allo sciopero del personale Ryanair ed EasyJet, Uiltrasporti, che è la Federazione italiana dei lavoratori dei trasporti (Uil) per il personale dei servizi di trasporto, ha annunciato che i lavoratori di EasyJet “protesteranno contro la soppressione dei diritti che porta a licenziamenti ingiustificati, contro la mancanza di solidità operativa, a danno dei passeggeri e dell’equipaggio, e contro il totale deterioramento delle relazioni sociali”.

Il comunicato cita anche “i comportamenti antisindacali di Volotea e, in particolare, le inaccettabili richieste di tagli salariali, promozioni e miglioramenti economici a discrezione dell’azienda per esercitare un controllo di fatto sui propri dipendenti”.

La Cgil ha avvertito anche che lo sciopero di oggi non sarà altro che il primo di una lunga serie di azioni di protesta che riguarderanno l’intero periodo estivo.

Si tratta di una decisione presa dopo l’impossibilità di aprire un dibattito dedicato su questioni che per mesi hanno colpito il personale delle compagnie aeree, come il mancato pagamento dei giorni di malattia, il rifiuto di concedere giorni di ferie obbligatorie durante la stagione estiva e la mancanza di cibo e acqua per il equipaggio.

Tra le ore 13:00 e le ore 17:00, oltre al personale di linea sopra citato, faranno scalo anche i dipendenti di Ita Airways e il personale operativo in diversi aeroporti, tra cui Milano Malpensa, Milano Linate e Bologna.

Sciopero anche in Francia

Secondo Le Figaro, circa un quarto dei voli previsti per giovedì mattina all’aeroporto di Parigi-Charles de Gaulle sono stati cancellati a causa di uno sciopero del personale aeroportuale che chiedeva salari più alti, ha annunciato Aéroports de Paris (ADP).

La direzione generale dell’Aviazione civile (DGAC) francese ha chiesto alle compagnie aeree di ridurre il numero di voli operati tra le 7:00 e le 14:00 di giovedì, poiché diversi aeroporti europei hanno recentemente incontrato enormi difficoltà nell’accogliere i passeggeri a causa della mancanza di personale.

Tutti i sindacati dell’aeroporto di Roissy (CGT, FO, CFDT, CFTC, CFE-CGC, Unsa e SUD) chiedono a tutti i dipendenti dell’aeroporto di mobilitarsi per chiedere un aumento di stipendio di 300 euro “senza condizioni, per tutti”. “Nonostante la ripresa del traffico e i profitti realizzati, il nostro lavoro non viene pagato al suo giusto valore”, hanno affermato i sindacati in un messaggio congiunto. “Tutto aumenta, tranne i nostri stipendi”, denunciano.

In alcuni aeroporti europei, la carenza di personale ha già causato un enorme caos, come ad Amsterdam-Schiphol e Francoforte, dove nelle ultime settimane i voli hanno dovuto essere cancellati per mancanza di personale di terra. Nel Regno Unito, centinaia di voli sono stati cancellati la scorsa settimana per lo stesso motivo.

Leggi e…

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.