Scandalo in Italia dopo l’intervista a Lavrov. Il Parlamento indaga sulla propaganda russa. Gli ospiti si rifiutano di partecipare agli spettacoli

Una commissione parlamentare italiana ha aperto un’indagine sulla ‘disinformazione’ televisiva dopo un acceso dibattito sulle frequenti apparizioni di ospiti russi nei telegiornali del Paese negli ultimi tempi da quando l’Ucraina ha invaso l’Ucraina. scrive Reuters.

La Commissione parlamentare per la sicurezza della Repubblica (Copasir), che sovrintende ai servizi di intelligence, ha dichiarato mercoledì di aver convocato i vertici della televisione pubblica italiana, dell’Agenzia per la sicurezza dello Stato e dell’Osservatorio delle comunicazioni.

La commissione ha detto che sta indagando su “interferenze straniere e attività di disinformazione, con particolare riferimento al conflitto tra Russia e Ucraina”.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha preso una posizione dura sulle azioni del regime di Mosca dopo l’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio, ma i sondaggi d’opinione mostrano che in Italia, a differenza di altri stati europei del G7 (le sette economie più potenti del mondo), la Gran Bretagna, Francia e Germania, c’è poco sostegno pubblico per l’invio di armi in Ucraina.

L’emittente pubblica italiana RAI e i suoi quattro principali canali privati ​​ospitano regolarmente anche giornalisti russi in talk show politici per dibattere con i loro omologhi italiani sulla guerra, un approccio che ha approfondito le divisioni nel Paese.

Mentre alcuni commentatori dicono che è giusto sentire da entrambe le parti del conflitto, altri condannano lo spazio mediatico e lo chiamano “propaganda russa”.

La lite si è intensificata domenica quando il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha scelto il canale privato italiano Rete 4 per rilasciare la sua prima intervista a un canale televisivo europeo dall’inizio dell’invasione russa.

I critici hanno affermato che l’intervistatore di Lavrov non è riuscito a sfidare o interrompere abbastanza il funzionario russo. Alcuni hanno detto che il ministro degli Esteri di Mosca non avrebbe dovuto essere affatto intervistato. Lo stesso Draghi ha pesato il dibattito del giorno successivo, dicendo che l’intervista “non è stata molto buona”.

Reuters osserva che l’Italia non ha una tradizione di condurre interviste televisive aggressive con i politici.

Durante l’intervista all’emittente italiana Rete 4, a Lavrov è stato chiesto come la Russia possa affermare di dover “denazificare” l’Ucraina quando il presidente del Paese, Volodymyr Zelensky, è ebreo.

“Quando dicono: ‘Che razza di nazismo è se siamo ebrei’, beh, penso che anche Hitler avesse origini ebraiche, quindi questo non significa nulla”, ha detto Lavrov.

“Abbiamo sentito a lungo dal saggio popolo ebraico che i più grandi antisemiti sono gli stessi ebrei”, ha aggiunto.

Dani Dayan, presidente dello Yad Vashem, il memoriale israeliano dei sei milioni di ebrei uccisi nell’Olocausto, ha definito le osservazioni di Lavrov “un insulto e un colpo alle vittime del vero nazismo”.

Allo stesso tempo, il ministero degli Esteri israeliano Yair Lapid ha affermato che “questa è un’affermazione imperdonabile e oltraggiosa, un terribile errore storico e ci aspettiamo delle scuse”.

Leggi anche: Adrian Cioroianu: Sergei Lavrov ha inviato intenzionalmente il messaggio con l’ebreo Hitler. Israele ha fatto qualcosa che ha sconvolto i russi

Alcuni esperti politici hanno iniziato a rifiutarsi di apparire nei talk show per protestare contro il fatto che il tempo di trasmissione è stato concesso a quelli che definiscono attori della propaganda russa.

Nathalie Tocci, direttrice dell’Istituto italiano per gli affari internazionali, ha rifiutato di apparire in un telegiornale martedì perché un ospite con lei nello stesso spettacolo era del ministero della Difesa russo. Tocci ha detto che “non era disposta a diventare complice della disinformazione”.

Lucio Caracciolo, uno dei massimi esperti di geopolitica in Italia e fondatore di Limes, stimata testata economica mondiale, continua invece ad apparire quotidianamente nei talk show che parlano della situazione in Ucraina sul canale privato La7.

Caracciolo ha definito “uno scherzo” l’indagine del Copasir, dicendo che “se vogliamo prenderla sul serio, dobbiamo credere che vogliano creare un Ministero della Verità”.

Mosca afferma che i media occidentali hanno fornito un resoconto “eccessivamente parziale” della guerra. La Russia definisce la sua azione in Ucraina una “operazione speciale” per smilitarizzare e denazificare l’Ucraina.

Da parte loro, l’Ucraina e l’Occidente affermano che le accuse di Mosca sono infondate e che la guerra è un atto di aggressione non provocata che viola tutte le norme del diritto internazionale.

Inoltre, i crimini di guerra commessi dall’esercito russo, documentati dalla Corte penale internazionale e rivelati dai media internazionali, sottolineano che la Russia prende di mira i civili, anche se afferma di prendere di mira solo le infrastrutture militari ucraine.

Leggi anche: Il Consiglio d’Europa accusa la Russia di ricreare gli orrori della seconda guerra mondiale. “La storia si è rivelata nel modo più crudele possibile”

Editore: Marco Badea

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.