Rumeni in Italia, vittime dello sfruttamento agricolo. Le condizioni in cui molti di loro lavorano


L’organizzazione internazionale ActionAid ha prodotto un rapporto sulla condizione delle donne occupate in agricoltura nei campi e nelle serre del sud Italia, in particolare nelle regioni Puglia, Basilicata e Calabria. Le donne che lavorano in agricoltura lavorano spesso in condizioni di sfruttamento, abuso e umiliazione, essendo considerate una delle lavoratrici straniere più vulnerabili della penisola.

Sollecitazione di rapporti intimi, ricatti, bassi salari, chiaro di luna sono pratiche spesso utilizzate dai “caporali” agricoli nelle province di Matera, Taranto e Cosenza, una vasta regione dell’Italia meridionale dove il clima e il suolo fertile favoriscono la coltivazione di frutta e verdura. , fragole e uva con agrumi.

La maggior parte della raccolta e della cernita della frutta è svolta da donne, principalmente dalla Romania e dalla Bulgaria.

Cătălina, una giovane donna di nazionalità rumena, lavora come operaia agricola in Basilicata. È una delle 119 donne intervistate nel rapporto “CAMBIA TERRA” di ActionAid:

– Continuazione dell’articolo dopo l’annuncio –

“Guadagno 38 euro al giorno”, ha detto Catalina. Alcuni di noi lavorano senza sosta, dal lunedì alla domenica. Gli uomini guadagnano due euro in più all’ora perché hanno un lavoro più difficile. Questa mattina mi sono svegliato presto, ho iniziato a lavorare alle 6:00. Prepariamo il terreno per piantare fragole, lo concimiamo. Devo chinarmi tutto il tempo e ora che sono incinta è molto stancante. Mi sento esausto, ma devo lavorare, ho bisogno di soldi”.

Il divario retributivo peggiora la vita delle donne che lavorano nell’agricoltura. Nelle zone rurali le donne guadagnano addirittura 25/28 euro al giorno, mentre gli uomini percepiscono 40 euro. Inoltre, la pratica dei datori di lavoro di documentare un numero di giorni inferiore a quello lavorato impedisce alle donne di ricevere infortunio o congedo per malattia, nonché sussidi di disoccupazione o maternità.

Le donne in agricoltura sono esposte a violenze e molestie sul lavoro, sui mezzi di trasporto che le portano nei campi, nelle serre, nei magazzini o negli impianti di confezionamento, negli alloggi forniti dai datori di lavoro. La violenza assume molte forme (verbali, fisiche, psicologiche) ed è accompagnata da minacce, come la perdita del lavoro, la retrocessione o il mancato pagamento del salario. Reagire può significare essere nella lista nera.

“Nel barese c’è un metodo praticato da anni dai “caporali”. Al mattino, quando ai mercati arrivano i furgoni per portare i braccianti nei campi, una donna di loro scelta è chiamata a sedersi nella sala sedile davanti accanto all’autista. Sul vassoio si posano croissant e caffè caldo, acquistati al bar. Servire la colazione significa accettare anticipazioni per mantenere rapporti intimi e quindi possibilità di Rifiutarsi però, il giorno dopo viene lasciata a casa”, ha spiegato Annarita Del Vecchio, psicologa e collaboratrice di ActionAid in Puglia.

– Continuazione dell’articolo dopo l’annuncio –

«I caporali si chiamano per denunciare i piantagrane. C’è uno scambio di lavoro e quindi di informazioni. Il sistema è complesso: per esempio, quando finisce la stagione dei mandarini e inizia la semina delle fragole, i caporali organizzano i trasporti tra regioni. Donne sono preferiti in agricoltura perché sono più facili da sfruttare e da sopportare con rassegnazione”, ha affermato Maurizio Alfano, ricercatore ed esperto di immigrazione.

Adriana, un’ex contadina rumena, è una delle leader della comunità di ActionAid. Lei disse:

“Uno dei temi non menzionati è quello della maternità, crescere i figli è davvero difficile per i braccianti agricoli. Quando la stagione agricola inizia presto, alle 2 o alle 3 del mattino, prendono i bambini che dormono e, se non hanno parenti che li aiutino loro, li porto a persone che se ne prendono cura cinque, sei o dieci, li tengo fino a quando le mamme non tornano a casa dal lavoro nel pomeriggio.Mandare i bambini all’asilo nido o all’asilo non è possibile, l’orario non consente ai genitori di fare Così”.

In Calabria ci sono “asili nido neri”, con personale inesperto che si prende cura dei più piccoli fino all’arrivo dei genitori. Alcune mamme portano con sé i propri figli nelle serre, facendoli dormire in scatole di legno. Per loro è impossibile fruire dei servizi pubblici per l’infanzia perché sono pochi, lontani, costosi e con orari incompatibili con i loro.

– Continuazione dell’articolo dopo l’annuncio –

Molti lavoratori agricoli non si recano agli uffici amministrativi locali perché non parlano italiano e non ci sono servizi di interpretariato o mediazione. Inoltre, spesso si lamentano della mancanza di attenzione alla propria salute fisica. In assenza di servizi igienici, le donne sono costrette a defecare nei campi, anche quando piove, e anche quando hanno le mestruazioni. Chi richiede un giorno di riposo potrebbe non lavorare nei giorni successivi.

Non ci sono dati attendibili sul numero dei lavoratori agricoli in Italia, sul fenomeno del lavoro nero che caratterizza il settore agricolo attraverso assunzioni illegali, irregolarità contrattuali o totale assenza di contratto di lavoro e, quindi, mancanza di sicurezza e protezione sociale. Il lavoro illegale alimenta un’economia clandestina e sotterranea di oltre cinque miliardi di euro.

Altri articoli di seguito

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.