L’Italia ha raggiunto un accordo con l’Algeria che aumenterà la fornitura di gas alla penisola

Il primo ministro italiano Mario Draghi, che sta cercando di ridurre la dipendenza del suo Paese dall’energia russa, ha annunciato lunedì un accordo con l’Algeria per aumentare le sue esportazioni di gas verso l’Italia. L’Algeria, uno dei principali partner commerciali dell’Italia, è il secondo fornitore di gas dopo la Russia, da cui proviene il 45% delle importazioni di gas della penisola.

Dopo una discussione ad Algeri con il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune, Mario Draghi ha annunciato un accordo tra il gruppo energetico italiano Eni e il colosso pubblico algerino Sonatrach, mediante il quale quest’ultimo aumenterà le forniture di gas all’Italia, riferisce AFP.

“I nostri governi hanno firmato una dichiarazione d’intesa sulla cooperazione bilaterale nel settore energetico. A questo si aggiunge l’accordo tra Eni e Sonatrach per aumentare le esportazioni di gas verso l’Italia”, ha detto alla stampa Draghi.

“Subito dopo l’invasione dell’Ucraina, abbiamo annunciato che l’Italia si sarebbe organizzata rapidamente per ridurre la sua dipendenza dal gas russo, gli accordi di oggi sono una risposta significativa per raggiungere questo obiettivo strategico, e ad altri seguiranno”, ha aggiunto.

Il presidente del Consiglio non ha fornito cifre, ma l’Eni ha detto in un comunicato che l’accordo consentirà “lo sfruttamento delle capacità di trasporto disponibili del gasdotto Transmed per garantire una maggiore flessibilità nell’approvvigionamento energetico e fornire gradualmente maggiori volumi di gas a partire da quest’anno, fino a 9 miliardi di metri cubi all’anno nel 2023-2024”.

L’Italia, che importa circa il 95% del gas che consuma, è uno dei Paesi europei più dipendenti dal gas russo, scrive la fonte citata da Agerpres.

Editore: AA

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.