L’indipendenza energetica, conseguenza della guerra in Ucraina, all’ordine del giorno del FOV. Brasov, 5-11 settembre

Archivio fotografico 2021: 30 minuti dal Rettorato alla Maternità. Test FOV, giorno 1

L’indipendenza energetica sarà il tema principale del Green Cities Forum, la seconda edizione, che si svolgerà dal 5 all’11 settembre. “Questa seconda edizione, che inizierà a settembre, intendiamo essere un’edizione più grande e di maggior successo. Quest’anno prevediamo di avere oltre 300 rappresentanti del governo locale – siano essi sindaci, vicesindaci, eletti locali, amministratori pubblici o dipendenti pubblici – noi avrà una presenza internazionale coerente, collaborazioni ai massimi livelli – il Ministero dell’Ambiente, dell’Acqua e delle Foreste ha confermato la sua presenza ed è partner di questo evento, così come l’Associazione dei Comuni rumeni, la rappresentanza rumena al Parlamento europeo” , ha dichiarato il sindaco di Brasov, Allen Coliban.
Come l’anno scorso, la struttura del Forum prevederà il convegno sui temi ambientali, quello rivolto agli uomini d’affari, nonché una serie di attività rivolte al grande pubblico, finanziate dal comune, attraverso la guida ambientale, o realizzate fuori dalle organizzazioni partner.
Partendo dai temi di attualità, la conferenza sui temi ambientali si chiamerà “Energy Challenge: Find Your Power” e si svolgerà, questa volta, al Teatro Sică Alexandrescu, dal 5 al 7 settembre.

Chi ha confermato la propria partecipazione
Tra gli ospiti che hanno già confermato la loro partecipazione, di persona o online, Tanczos Barna – il Ministro dell’Ambiente, delle Acque e delle Foreste, Marjut Akola – l’Ambasciatore di Finlandia in Romania, sindaci, vicesindaci o rappresentanti dei comuni di Deinze e Mouscron (Belgio), Niš (Serbia), València (Spagna), Bijeljina (Bosnia ed Erzegovina), Norimberga (Germania), Florea Marin – presidente dell’Associazione degli amministratori pubblici della Romania, architetti e specialisti della mobilità urbana e ambientale dalla Germania , Gran Bretagna, Svizzera, Italia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Cile, Repubblica di Moldova e Romania, oltre a esperti del Ministero dell’Energia, del Ministero dell’Ambiente, delle Acque e delle Foreste e della Banca Europea per gli Investimenti. Alla conferenza parteciperà anche Henk Swarttuow, il Presidente della Federazione Ciclistica Europea.

Di cosa vogliono parlare gli ospiti
I temi scelti per la conferenza di tre giorni sono The Power of Alternative Transportation, The Power of Renewable Resources e The Power of Community. Gli esperti e i relatori presenti parleranno di soluzioni “verdi”, politiche pubbliche, tendenze, presenteranno casi di studio su città che hanno risultati nell’attuazione di politiche di sostenibilità ambientale o presenteranno opportunità di finanziamento attraverso programmi di finanziamento del governo, sovvenzioni europee, soluzioni di partenariato pubblico-privato applicabili agli enti pubblici locali.
Novità rispetto all’edizione dello scorso anno nella struttura del convegno saranno i laboratori pratici rivolti ai dipendenti pubblici, nei quali potranno conoscere la costruzione di un piano di mobilità, la progettazione di una strategia di efficienza energetica per gli edifici o il sviluppo di un piano di digitalizzazione di un municipio.
“Il Green Cities Forum è l’occasione che abbiamo creato per una settimana, per discutere ciascuno di noi delle misure da adottare per contrastare gli effetti del cambiamento climatico. I primi tre giorni della manifestazione sono quindi dedicati alle autorità pubbliche locali di Braşov e in tutto il Paese, la quarta giornata è dedicata all’ambiente imprenditoriale, con una conferenza sulle imprese verdi, e gli ultimi tre giorni saranno ricchi di eventi per il grande pubblico, si tratta di proiezioni di film documentari o di montagna film, stiamo parlando di escursioni nel futuro Parco Nazionale di Brassovia, una sfilata di biciclette, numerosi laboratori creativi di riciclaggio e giochi di riciclaggio, soprattutto per bambini e famiglie, parliamo di “Street Delivery” la seconda edizione di Braşov, di un negozio di riparazione di biciclette e presto”, ha detto Nicoleta Cîrjan, la coordinatrice del festival.

Da cosa è dipendente il pubblico in generale?
Per il grande pubblico, una serie di attività vengono svolte attraverso la Guida Ambientale, per la quale il comune ha stanziato 500.000 lei quest’anno e che prevedeva l’obbligo che almeno una delle azioni finanziate dal progetto si svolgesse durante il periodo FOV.
“Mobilità lenta – Escursioni “premium” a Brasov”, progetto dell’Associazione turistica dei Carpazi della Transilvania SKV; la seconda edizione “Street Delivery Braşov Shared Spaces”, organizzata dalla Fondazione Cărturesti; “Frankencycle – progetto sociale, ambientale e di mobilità”, dell’Associazione “Noua Uzina”, che si propone di riutilizzare vecchie biciclette; “Recycled Sounds”, il progetto attraverso il quale l’Associazione Culturale Fanzin desidera realizzare 7 installazioni musicali per bambini, realizzate con materiali di riciclo; “Braşov, un esempio per le aree verdi urbane” il progetto attraverso il quale l’Associazione Propark – Fondazione per le Aree Protette vuole portare un aumento della qualità di cinque aree verdi intorno agli isolati e “Co2Lectam separare insieme!”, la campagna educativa sul necessità di raccolta differenziata avviata da The Institute Foundation sono i sei progetti che hanno ottenuto il finanziamento.
Insieme a questo, i partner coinvolti nel festival porteranno anche eventi in città, per tutte le età. I “Giochi del Riciclaggio”, promossi da Comprest, il “Green Family Event”, il Blumenfest, gli eventi nei centri commerciali AFI e Coresi o nel quartiere Avantgarden, ma anche la fiera dei produttori locali, la sfilata dei ciclisti o il Film Festival Alpine sono solo alcuni esempi. Anche l’Associazione Pro Afaceri ha aderito quest’anno al FOV, con la seconda edizione del Convegno ProAfaceri Verdi.

Il comune si vanta delle cifre della prima edizione. In cui non è compresa la paralisi del centro storico
Ricordiamo che dopo la prima edizione del FOV, 15 ONG, 22 partner commerciali e più di 20.000 abitanti di Brasov hanno partecipato alle oltre 100 attività di sensibilizzazione per tutti gli abitanti di Brasov, svolte in 8 quartieri di Brasov. Durante il periodo FOV, il numero di passeggeri del trasporto pubblico è aumentato del 40% e 6 milioni di persone hanno sentito parlare di questo evento, indicano gli eletti municipali.
La conferenza sui temi ambientali ha riunito 56 relatori provenienti da 12 paesi, 30 delegazioni di comuni rumeni, 18 sindaci e vicesindaci. Ha beneficiato del sostegno di 6 ambasciate e della partecipazione di tre ambasciatori (Svezia, Francia, Svizzera), nonché della partecipazione di rappresentanti dell’amministrazione presidenziale, membri del governo (ministri, segretari di Stato, consiglieri di Stato), rappresentanti del Parlamento Europeo, della Commissione Europea, delle associazioni e fondazioni ambientaliste, delle università nazionali e internazionali, della comunità bancaria e delle agenzie di finanziamento europee, della comunità imprenditoriale, dei consigli provinciali e locali del Paese. Sono stati lanciati quattro programmi pilota (PETrică – macchina automatica per la raccolta di imballaggi con biglietti premio RATBV, pedonalizzazione della zona Modarom-Star: Street Delivery – oltre 5.000 partecipanti, trasporto gratuito RATBV durante i 4 giorni dell’evento e Grădinita 34 – energia rinnovabile prosumer). FOV 2021 è stato anche il vincitore del Gala dei premi per l’ambiente sano, affermano i funzionari della città.
Anche durante il FOV 2021, una corsia è stata pedonalizzata, in particolare quella in discesa, da Mureşenilor Street. Questo fatto ha paralizzato il traffico nel centro storico per decine di minuti, perché le auto che salivano a Șchei, su 2 corsie, dovevano scendere su Bălcescu, dove c’è una sola corsia. Il comune non ha detto nulla in merito.

Ma puoi leggerlo qui.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.