L’Eurovision 2021 è stata vinta dall’Italia, con una canzone rock

L’Italia, rappresentata dal gruppo rock Måneskin, è la grande vincitrice del concorso Eurovision 2021, grazie al voto dei telespettatori, che sabato sera ha ribaltato completamente la gerarchia risultante dopo un primo giudizio sui paesi partecipanti.

La finale della competizione musicale europea, giunta alla sua 65a edizione, si è svolta a Rotterdam con 3.500 spettatori dopo che la competizione dello scorso anno era stata annullata a causa della pandemia.

La Romania, rappresentata da Roxen, ha saltato la qualificazione per la finale di Eurovision 2021, per la terza volta consecutiva. Il punteggio massimo della giuria rumena è stato annunciato dalla ginnasta Cătălina Ponor. La giuria rumena ha assegnato 12 punti a Malta, mentre il pubblico rumeno ha votato per la rappresentante della Repubblica di Moldova, Natalia Gordienko.

L’Italia, con il brano “Zitti e Buoni”, si è portata in testa alla classifica, finora dominata da Francia e Svizzera, dopo aver ricevuto più di 300 voti dal pubblico, il punteggio più alto ottenuto da un partecipante a questo concorso.

E l’Islanda, che prima della cancellazione dell’edizione dello scorso anno era considerata una delle favorite all’Eurovision, con un gruppo di giovani anticonformisti e allegri, si è mantenuta vicino alle prime posizioni.

La suspense si è mantenuta fino all’ultimo momento, quando il televoto ha deciso il vincitore tra Italia e Svizzera. L’Italia ha accumulato un totale di 524 punti.

La Francia ha seguito nella gerarchia con 499 punti e la Svizzera con 432 punti. Nella top 10 sono entrati anche Islanda (378), Ucraina (364), Finlandia (301), Malta (255), Lituania (220), Russia (204) e Grecia (170).

D’ora in poi, l’Italia dovrà ospitare la prossima edizione dell’Eurovision Song Contest nel 2022. Questa è la terza volta che vince e organizza il prossimo spettacolo in questa veste. Le due precedenti edizioni si sono svolte a Roma ea Napoli.

Chi sono i quattro terribili giovani di Maneskin

Ecco come suona la canzone dei quattro componenti del gruppo Måneskin, che sabato sera ha vinto il trofeo Eurovision 2021:

Le tue impostazioni sui cookie non consentono la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Puoi aggiornare le impostazioni del modulo cookie direttamente dal tuo browser o da qua – devi accettare i cookie dai social network

“Vogliamo solo dire a tutta l’Europa, al mondo intero: il rock ‘n’ roll non muore mai!”, ha dichiarato Damiano David, il cantante del gruppo Maneskin dopo che il gruppo, composto da tre ragazzi e una figlia, è stato proclamato vincitore del concorso.

I quattro erano compagni di scuola al liceo e hanno formato la loro band nel 2016 a Roma, e nel 2017 sono arrivati ​​secondi al concorso “X Factor” in Italia. Il nome della band è una parola danese che significa “chiaro di luna”. È stato suggerito dalla bassista Victoria De Angelis, che è per metà danese.

Il gruppo ha vinto anche il festival musicale di Sanremo 2021, svoltosi all’inizio di marzo, con la stessa canzone, “Zitti e Buoni”.

I membri della band Mansekin sono travolti dalla gioia quando gli viene detto di aver vinto il trofeo Eurovision 2021 Foto: Profimedia

È la prima vittoria dell’Italia in Eurovision dal 1990, quando Toto Cutugno vinse con il brano ‘Together: 1992’. La competizione europea non è stata vinta da un gruppo rock dal 2006, quando i finlandesi di Lordi hanno trionfato ad Atene.

eurovision 2021 maneskin
I membri del gruppo Maneskin celebrano la loro vittoria a Eurovision 2021 con champagne Foto: Profimedia

Curiosamente, la Gran Bretagna, rappresentata da James Newman, non ha ottenuto punti a Eurovision 2021, né dalle giurie nazionali né dal pubblico. È la seconda volta che il Regno Unito finisce ultimo, ma è la prima volta che non segna un punto.

E un’altra novità: uno dei presentatori dello show è stato Nikkie de Jager, essendo la prima volta nella storia che una persona transgender ha presentato l’Eurovision.

Eurovision 2021
Salgono sul palco i padroni di casa di Eurovision 2021, l’edizione di Rotterdam. Sulla destra, Nikkie de Jager, è la prima persona transgender ad apparire in un concorso del genere Foto: Profimedia

Oltre alle 26 canzoni iscritte al concorso, Rotterdam ha organizzato uno spettacolo impressionante con gli ex vincitori dell’Eurovision, anche dal 1969, esibendosi in una stravaganza di luci proiettate di notte sui tetti dei grattacieli dalla città:

Le tue impostazioni sui cookie non consentono la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Puoi aggiornare le impostazioni del modulo cookie direttamente dal tuo browser o da qua – devi accettare i cookie dai social network

Editore: Luana Pavvaluca

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.