La siccità in Italia è ora così intensa che iniziano a emergere vecchi relitti

Una storica siccità che ha colpito il fiume più grande d’Italia ha portato alla luce un naufragio risalente alla seconda guerra mondiale.

Il fiume Po scorre per 651,8 km dalle Alpi Cozie per sfociare nel mare Adriatico. Attualmente sta vivendo la peggiore siccità degli ultimi 70 anni, che ha fatto riemergere una nave affondata negli ultimi decenni. Lo Zibello, una chiatta di 48,8 metri che trasportava legname durante la seconda guerra mondiale e affondò nel 1943, è solitamente nascosta sotto le acque del Po, Rapporti dell’Associated Press. Ora il livello dell’acqua nel fiume è così basso che il relitto è visibile agli spettatori.

“Questa è la prima volta che vediamo questa casa galleggiante”, ha detto ad AP il ciclista amatoriale Raffaele Vezzali da un parco vicino al villaggio di Gualtieri.

Alessio Bonin ha fotografato il relitto con il suo drone. Egli ha detto per Il Guardiano era uno spettacolo incredibile.

“Negli ultimi anni si poteva vedere la prua della barca, quindi sapevamo che era lì, ma vedere la nave così esposta a marzo, quando era essenzialmente ancora inverno, è stato molto drammatico”, ha detto Bonin.

“Non abbiamo mai visto una siccità come questa in questo periodo dell’anno – la nostra principale preoccupazione era l’allagamento del nostro fiume, ora temiamo che scompaia”.

La siccità devasta l’Italia

Un certo numero di fattori indotti dai cambiamenti climatici contribuiscono alla siccità. L’AP riferisce che il nord Italia non vede pioggia da più di 110 giorni, le nevicate sono cadute del 70% quest’anno e le temperature superiori alla media stanno sciogliendo neve e ghiacciai nelle Alpi circostanti.

Meuccio Berselli, segretario generale dell’Autorità di Bacino del Po, ha detto all’AP che in un villaggio fluviale chiamato Boretto, la portata del fiume misura tipicamente 476.000 galloni al secondo. Ora sono solo 80.000 galloni al secondo.

La siccità minaccia l’approvvigionamento di acqua potabile, l’irrigazione per l’agricoltura nella regione più coltivata d’Italia e gli impianti idroelettrici per la produzione di energia elettrica, riferisce la stessa fonte.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.