“La maggior parte sono oltre l’orbita terrestre” – Evento del giorno

Gli oggetti vicini alla Terra possono essere classificati in base alle orbite planetarie di cui attraversano il percorso. Ad esempio, i corpi che si avvicinano alla Terra ma non attraversano la sua orbita sono chiamati “Amors”, mentre “Apollos” e “Atens” attraversano l’orbita terrestre a vari livelli.

Nel frattempo, “Atiras” ha orbite contenute nell’orbita terrestre e “Vatiras” ha orbite contenute nell’orbita di Venere. Gli astronomi hanno dato il nome di “vulcanoidi” agli asteroidi le cui orbite sono interamente all’interno di quella del pianeta Mercurio, tuttavia devono ancora essere osservati.

Gli asteroidi potrebbero non essere così facili da rilevare

Secondo il dottor Sheppard, la tecnologia ora esiste per cercare e identificare oggetti vicini alla Terra e per calcolare se le loro traiettorie potrebbero rappresentare una minaccia per la vita sulla Terra. “Nuovi rilievi telescopici sfidano il bagliore del Sole e cercano asteroidi Sole durante il crepuscolo”.

Queste recenti scoperte includono il primo Vatiras mai segnalato, che è stato scoperto dallo Zwicky Transient Facility, un’indagine condotta presso l’Osservatorio di Palomar in California, nel gennaio 2020. Questo asteroide – stimato in circa 0,6 miglia di larghezza – è stato chiamato ꞌAylóꞌchaxnim, che significa “Venus girl” nella lingua Luiseño della California meridionale.

Oggetti vicini alla Terra

Il dottor Sheppard ha spiegato che gli oggetti vicini alla Terra hanno orbite dinamicamente instabili che durano circa 10 milioni di anni prima di rompersi vicino al Sole o essere espulsi dal sistema solare. Tuttavia, si ritiene che il numero di questi corpi sia rimasto stabile negli ultimi miliardi di anni.

Il dottor Sheppard ha detto: “Ci deve essere un serbatoio per rifornire gli oggetti vicini alla Terra. È probabile che la maggior parte degli oggetti vicini alla Terra siano stati spostati dalla cintura principale asteroidi tra Marte e Giove”.

Gli oggetti vicini alla Terra diventano più rari man mano che si avvicinano al Sole, ha spiegato il dottor Sheppard, “perché diventa sempre più difficile per un oggetto spostarsi verso l’interno oltre l’orbita del Sole. Terra e poi Venere”. Si prevede che Atiras costituirà solo l’1,2% di tutti gli oggetti vicini alla Terra nella cintura degli asteroidi e Vatiras solo lo 0,3%, secondo Express.co.uk.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.