Il secondo fronte aperto da burocrati, truffatori e trafficanti – Ziarul de Gardă

Oxana vive nella regione di Odessa. Fino a poco tempo fa non osava uscire di casa, sperando che la furia della guerra non le attraversasse la vita. Poche settimane fa, non ha più potuto resistere alle sue paure ed è partito. È stato difficile uscire dall’Ucraina. Dopo la guerra, la coda di auto e camion alla dogana di Cartal-Isaccea, l’unico traghetto che attraversa il Danubio verso l’Europa, si è allungata per oltre 15 km. Difficile da immaginare, difficile da resistere… Nel frattempo, chi fugge dalla guerra sperimenta sete, fame, insonnia, bugie, disperazione.

Oxana dice, tuttavia, che ha funzionato per lei. Riuscì a raggiungere la Romania con relativa facilità, da dove partì per la Polonia, sotto l’impulso di alcuni intermediari che gli promisero un lavoro lì. L'”offerta” di lavoro non le è costata molto, dice. “Ho pagato 200 euro di anticipo, altri 200 da pagare subito perché sono impiegato al lavoro. Ma non doveva essere così. Gli intermediari sono scomparsi prima di arrivare a destinazione”, spiega Oxana. Partiamo per l’Italia, su istigazione di un parente che vi lavora da diversi anni.«E in Italia, siccome c’è la guerra in Ucraina e il numero dei profughi dalle zone di guerra è in aumento, sono comparse «reti» di intermediari che promettono mare e sale. La maggior parte proviene dagli ex stati sovietici. Il principio è lo stesso. Ti chiedono un “anticipo”, promettendo un lavoro sicuro, dopo di che scompaiono con tutti i soldi”, spiega Oxana, come in diversi paesi si creano affari di denaro a causa della sofferenza dei profughi ucraini. In queste condizioni, gruppi di esseri umani rinascono i trafficanti, per i quali le guerre sono una vera “manda dal cielo”.

Un’altra rifugiata, Elena, è arrivata con due bambini piccoli a Chisinau, nella Repubblica di Moldova, dove ha cercato di affittare una casa, per poter in qualche modo andare avanti con la sua vita, mentre suo marito è rimasto in Ucraina, dove la guerra continua. Qui, in una Moldova ospitale e accogliente, ha incontrato truffatori immobiliari che non avrebbe mai immaginato esistessero. “Tutti gli annunci relativi all’affitto di alloggi sono monitorati da loro. Dettano i prezzi. Non appena capisco che si tratta di rifugiati dall’Ucraina, cioè persone in difficoltà, soprattutto ‘si tratta di una madre con bambini piccoli, non hanno più freni e non puoi andare d’accordo con i proprietari che, alla fine, sarebbero pronti ad affittare contro determinate tasse sulla proprietà”, dice Elena, scoraggiata di essere caduta nelle mani di truffatori immobiliari di Chisinau. “Ho incontrato onesto, onesto , capendo le persone, ma tutte le loro buone azioni sono oscurate da questi truffatori”, dice Elena, che ha deciso di ritirarsi, per il momento, in un villaggio della Moldova, nella speranza di non essere molestata dagli intermediari che affittano le case di alcuni proprietari, arricchendosi delle sofferenze delle vittime della guerra in Ucraina.

I rifugiati affermano di aver sperimentato anche casi in cui persone che fuggono dal sentiero della guerra sono trattate con odio da alcuni membri della società, ma anche da rappresentanti delle autorità, che affermano apertamente che i loro problemi non fanno parte dei loro doveri, che, affrontandoli , non riescono a risolvere gli altri problemi degli indigeni. Tali dissensi sorgono quando, nel caso di alcune persone, scade il periodo di soggiorno legale di 90 giorni nella Repubblica di Moldova e non hanno alcuna possibilità di tornare a casa. “La maggior parte di questi rifugiati sono madri con bambini piccoli. Devono avere qualche garanzia relativa all’ammissione a scuola o all’asilo”, spiegano i rifugiati che cercano soluzioni per rimanere nella Repubblica di Moldova, fino a quando non potranno ricongiungersi con le loro famiglie.

Sì, alcuni si arricchiscono anche informando male i rifugiati. A chi fugge dall’Ucraina, a volte senza documenti d’identità, offrono “garanzie” di passaporti, mentendo, appunto, a pagamento.

L’UE fornisce vari aiuti nella speranza di risolvere i problemi dei rifugiati in Ucraina e riconosce che poiché il 90% di loro sono donne e bambini, sono maggiormente a rischio di violenza e abusi, compresi la tratta di esseri umani, il contrabbando e le adozioni illegali.

Soluzioni? Difficile da identificare nelle condizioni in cui tutti questi scenari sono allestiti da gruppi provenienti dall’ombra, che utilizzano spontaneamente tecniche per camuffare le prove.

Anche così, chiunque sia a conoscenza di tali casi dovrebbe segnalarli. In condizioni di guerra, forse tali crimini dovrebbero essere indagati e puniti con leggi più dure, che, se non ne abbiamo, dovremmo escogitare, oppure, finché siamo in questa zona di guerra, non possiamo staccarci dalla sofferenza di coloro che sono costretti a combattere su questo secondo fronte, che si è aperto loro dopo essere riusciti a ritirarsi dalla prima linea nel loro paese.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.