Il premier Mario Draghi firma un accordo in Algeria per aumentare le importazioni italiane di gas da quel Paese

Il primo ministro italiano Mario Draghi lunedì si recherà in Algeria per firmare un accordo per aumentare le importazioni di gas, hanno affermato due fonti che hanno familiarità con la questione, mentre Roma intensifica gli sforzi per sfruttare fonti di approvvigionamento alternative dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, riferisce Reuters. citato da News.ro.

Draghi viaggerà con una delegazione che includerà il capo del gruppo energetico italiano Eni, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro della Transizione energetica Roberto Cingolani, ha detto una fonte del governo.

L’Italia, che ottiene circa il 40% delle sue importazioni di gas dalla Russia, si sta affrettando a diversificare la sua fornitura di energia mentre il conflitto in Ucraina si intensifica.

All’inizio di questa settimana, Cingolani ha detto che l’Italia stava parlando con sette paesi per ottenere più gas, con alcuni colloqui “in una fase molto avanzata”.

Di Maio e l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi si sono recati in Algeria nelle ultime settimane per discutere del rafforzamento dei legami energetici.

L’Algeria è il secondo fornitore di gas italiano e il gasdotto Transmed porta il gas algerino sulle coste italiane dal 1983.

Il gasdotto ha una capacità giornaliera di oltre 110 milioni di metri cubi (mmc), ma attualmente trasporta meno di 60 milioni di metri cubi.

L’aumento dei consumi interni, gli investimenti insufficienti e l’instabilità politica, inclusa la chiusura di un gasdotto verso la Spagna a causa di una disputa con il Marocco, hanno limitato le esportazioni algerine.

Ma l’anno scorso le importazioni italiane sono aumentate del 76% a 21,2 miliardi di metri cubi (bcm), ovvero il 29% dei flussi totali.

Roma ha detto di voler ottenere altri 9 miliardi di metri cubi dal Paese nordafricano.

“Draghi firmerà l’accordo istituzionale tra i Paesi, poi Eni e Sonatrach finalizzeranno gli aspetti tecnici”, ha detto la fonte.

L’accordo includerà anche co-investimenti in progetti di energia rinnovabile.

La compagnia statale algerina di petrolio e gas Sonatrach ha discusso con la società statale Eni su come aumentare l’offerta di gas in Italia nel breve e medio termine.

Eni, che detiene contratti gas a lungo termine con Sonatrach, ha annunciato a marzo un’importante scoperta nel deserto algerino, con circa 140 milioni di barili di petrolio. Ma ci sono dubbi su quanta capacità possa essere aumentata a breve termine.

“La produzione può essere accelerata rapidamente utilizzando tecniche di riempimento per migliorare la produzione nei pozzi che stanno già producendo e i campi che non stanno ancora producendo possono essere potenziati”, ha affermato una seconda fonte.

Fonte foto: Moldovagaz

Leggi e…

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.