I contadini italiani protestano con il latte versato in strada: ‘Non siamo schiavi!’

Mircea Olteanu

L’ondata di proteste degli agricoltori iniziata nei Paesi Bassi contro una proposta di riduzione drastica delle emissioni si è diffusa in altre parti d’Europa. Gli italiani sono scesi anche nelle strade di Napoli, versando decine o addirittura centinaia di litri di latte fuori dalla sede dell’amministrazione regionale la scorsa settimana, riporta il portale. Contadino pl.

Gli allevatori in Italia hanno lanciato diffuse azioni di protesta per cercare di salvare il settore. Questa settimana, gli agricoltori stanno pianificando una protesta a Roma, dopo aver protestato a Napoli la scorsa settimana. I manifestanti hanno pubblicato messaggi come “Non è latte, è il nostro sangue”, “Non siamo schiavi, siamo contadini” e “Non possiamo gestirlo”.

Secondo ilfattoquotidiano.it, alla manifestazione hanno preso parte numerosi allevatori della provincia di Caserta, che non si sono incontrati con le autorità regionali per discutere, ancora una volta, il piano di gestione dell’epidemia di brucellosi e tubercolosi nei bovini.

Vers la fin de la manifestation, des éleveurs italiens, pour attirer l’attention sur le massacre de milliers de buffles, presque tous sains, en raison de l’épidémie de brucellose et de tuberculose, ont déversé des dizaines de litres de lait dans la strada. Questo gesto simboleggiava anche il lento ma deciso declino del settore zootecnico.

Ora gli agricoltori stanno pianificando una protesta anche a Roma, prevista per il 28 luglio. In questa occasione i contadini vogliono chiedere un incontro con i vertici dei partiti nazionali, perché le autorità della regione Campania rifiutano il dialogo, riporta ilfattoquotidiano.it.

La lotta degli allevatori italiani contro la brucellosi e la tubercolosi bovina

Le strategie per controllare la brucellosi e la tubercolosi bovina rappresentano una sfida importante per gli allevatori di bestiame in Italia. Gli allevatori stimano che nell’ultimo decennio circa 100.000 capi di bestiame siano stati macellati preventivamente nella regione Campania nell’ambito delle misure di controllo della brucellosi. Secondo i dati presentati dal portale ruminantia.it, tra il 2011 e il 2021 sono stati macellati circa 140.000 bovini e il 97% di questi animali è risultato sano dopo l’autopsia. I bovini venivano macellati indipendentemente dalla loro salute, poiché provenivano da allevamenti in cui erano stati trovati animali malati.

Gli agricoltori in protesta in Italia hanno chiesto un incontro con Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania. “De Luca, vogliamo davvero soluzioni al problema della brucellosi e della tubercolosi. È tempo di dialogare” – questo il messaggio è stato trovato su un cartello esposto dai manifestanti.

“Non possiamo più rimanere impotenti di fronte alla distruzione del nostro patrimonio. Presentiamo al Consiglio regionale un piano per l’eradicazione della brucellosi che modificherà quello esistente, tenendo conto delle esigenze degli allevatori”, ha dichiarato il leader della Lega Salvini Campania al Consiglio regionale della Campania, Gianpiero Zinzi, citato da teleradio-news .ce.

Oltre ai manifestanti fuori dalla sede del governo regionale, altri contadini hanno girato per la città con circa 100 trattori.

“Non è latte, è il nostro sangue”

Secondo i media italiani, circa 2.000 agricoltori con 700 trattori hanno preso parte alla protesta la scorsa settimana.

Gli agricoltori italiani affrontano una crisi incombente, secondo morningstaronline.co.uk, poiché una grave siccità minaccia un terzo della produzione agricola della penisola. Il ministro dell’Agricoltura di Roma Steafano Patuanelli ha recentemente affermato che l’Italia potrebbe perdere il 40% delle sue risorse idriche nei prossimi decenni.

Inoltre, gli agricoltori affermano di aver perso circa 3 miliardi di euro durante l’attuale crisi e di soffrire per l’aumento dei prezzi del carburante e dell’aumento dei costi di produzione a causa della guerra in Ucraina.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.