Città d’Italia da evitare a causa dei terremoti

Il terremoto più forte che ha colpito l’Italia negli ultimi 36 anni ha avuto il suo epicentro a Norcia, cittadina dell’Umbria, ed è stato avvertito dal nord del Paese, dal confine con l’Italia, l’Austria, fino all’estremo sud. Il sisma di domenica fa parte di un ‘effetto domino’ innescato dal terremoto di Amatrice ad agosto, e i sismologi avvertono che il centro Italia potrebbe essere ancora colpito da terremoti di magnitudo 5,5 o 6.

Zona rossa: sismicità forte Zona arancione: sismicità media Zona gialla: sismicità debole Zona bianca: sismicità molto debole Fonte: www.attivotv.it

Il terremoto di domenica in Italia è stato avvertito in gran parte del Paese. Nelle principali città della maggior parte d’Italia, i residenti hanno affermato di aver sentito il terremoto. L’unica regione in Italia attualmente al sicuro dai terremoti è la Sardegna.

Oltre al centro Italia, dove sono state colpite 70 località, il terremoto di domenica si è fatto sentire anche nelle principali città del Paese: Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bologna.

I rumeni che si trovano o vogliono recarsi in Italia dovrebbero sapere che a seguito del terremoto di domenica sono state chiuse al traffico due strade nazionali: la SS685 “delle Tre Valli Umbre”, tra le province di Perugia e Ascoli Piceno, e SS4 “Salaria” tra le province di Rieti e Ascoli Piceno.

Il terremoto ha avuto il suo epicentro a Norcia, cittadina dell’Umbria, ma è stato avvertito dal nord del Paese, dal confine con l’Austria, all’estremo sud.

70 località sono state colpite le regioni Lazio, Marche, Umbria, Abruzzo e Toscana. I centri più colpiti furono Norcia, Castelsantangelo sul Nera, Preci, Visso e un’area montuosa tra l’Umbria e le Marche. Questi paesi sono collegati da strade strette fiancheggiate da pareti rocciose.

Le città più colpite sono state Norcia, Castelsantangelo sul Nera, Preci, Visso e una zona montuosa, tra l’Umbria e le Marche.

Inoltre, il terremoto è stato fortemente sentito e a Roma (Lazio), Firenze (Toscana), Napoli (Campania), Milano (Lombardia), Bologna (Emilia-Romagna), Bari (Puglia) e Bolzano (Alto Adige).

Il Dipartimento della Protezione Civile avverte che esiste un alto rischio sismico in Calabria e Sicilia, oltre che in regioni più settentrionali come Friuli, Veneto e Liguria.

Regioni d'Italia, buona immagine
Foto: regioni d’Italia

Si consiglia ai turisti dall’Italia di contattare le ambasciate o i consolati nel loro paese di origine se hanno bisogno di assistenza o di chiamare la hotline del Department of Homeland Protection al numero 800840840 o +39 06 828 888 50 .

Inoltre, se sei determinato a viaggiare in Italia, dovresti assicurarti di non recarti in un’area devastata dal terremoto. Attualmente i sismologi avvertono che ci saranno più terremoti anche nel centro Italia. Il terremoto di agosto ha colpito le regioni dell’Umbria, del Lazio e delle Marche, ma il terremoto di domenica, pur nella stessa zona montuosa, è stato avvertito fino a Roma, ovvero a 145 chilometri dall’epicentro.

Le città dove il terremoto non si è per nulla avvertito sono quelle della regione Sardegna.

Ufficialmente, 30.000 rumeni vivono nel centro Italia

Secondo le autorità, 30mila rumeni vivono nelle regioni dell’Italia centrale colpite dal terremoto. Dopo il terremoto di domenica, nessun rumeno è morto e nessuno è scomparso.

“Due squadre consolari mobili dell’Ambasciata di Romania a Roma e del Consolato Generale di Romania a Bologna sono pronte a trasferirsi nell’area del disastro, per fornire assistenza consolare, se ci sono richieste di assistenza in loco, nonché nella misura in cui l’accesso a la zona sarà possibile. L’AMF raccomanda ai cittadini rumeni nell’area colpita di informare le loro famiglie e i parenti delle loro condizioni”, presentata dal Ministero degli Affari Esteri.

La crosta terrestre, sommersa di mezzo metro

L’Italia è spesso colpita da terremoti in quanto si trova sopra diverse placche tettoniche.

I sismologi hanno spiegato che il terremoto di domenica in Italia non va analizzato singolarmente, ma come parte di un “effetto domino”. Inoltre, richiamano l’attenzione gli esperti, l’Italia è attraversata da un capo all’altro da un sistema di faglie attive e, inoltre, attivabili una dopo l’altra.

Definirei il terremoto in Italia come un evento all’interno di un insieme di eventi. È chiaro che in Italia durante quest’anno, soprattutto dopo Amatrice, si può parlare di una serie di eventi, di un effetto domino, come dicono i sismologi. Terremoti che si susseguono uno dopo l’altro. Non è il solito caso di un forte terremoto e una serie di scosse di assestamento. L’Italia è attraversata da un sistema di faglie da nord a sud. Questi guasti sono attivi. Possono essere attivati ​​uno dopo l’altro”ha spiegato Mircea Radulian di Istituto Nazionale di Fisica della Terra.

Mappa del terremoto in Italia

I terremoti di questa settimana nell’Italia centrale si sono verificati dopo che un pezzo di crosta terrestre lungo 18 chilometri, largo 10 chilometri e spesso nove chilometri è affondato di mezzo metro, ha spiegato l’altro giorno il quotidiano. La Repubblica citato da News.ro.

Secondo la pubblicazione, parte della stanza, la parte meridionale, è affondata il 24 agosto. Ciò ha fatto sì che la stanza rimanesse inclinata, con il lato nord rivolto verso l’alto.

Lo hanno avvertito i sismologi italiani, che hanno verificato la situazione tettonica dopo il terremoto di Amatrice il pezzo di crosta si sposterà ad un certo punto, il che porterà a nuovi terremoti.

Questo tipo di terremoto, quando il terreno ha un movimento discendente, fa perdere l’appoggio e il collasso di tutte le costruzioni presenti nell’area interessata.

Nei terremoti in cui il movimento è verso l’alto, solitamente causati dall’unione di due placche tettoniche, il danno è minore, secondo gli esperti citati da La Repubblica.

Esperti italiani citati da La Repubblica hanno spiegato che qualsiasi forte terremoto destabilizza l’intero sistema geologico di una regione.

Così, il terremoto di agosto, ad Amatrice, è avvenuto dopo quello dell’Aquila, nel 2009. E i terremoti di mercoledì si sono verificati perché quello di Amatrice, a sua volta, ha provocato squilibri.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.