Uno dei più famosi uomini d’affari morì improvvisamente e lasciò un enorme impero

Leonardo Del Vecchio, l’imprenditore italiano che ha iniziato con un piccolo laboratorio di ottica nelle Dolomiti ed è diventato il leader mondiale indiscusso dell’occhialeria, è morto all’età di 87 anni, secondo Bloomberg.

La sua morte è stata annunciata lunedì dal quotidiano italiano Corriere della Sera. Un portavoce di Del Vecchio non è stato subito disponibile per un commento.

Cresciuto in un orfanotrofio a Milano, Del Vecchio si è trasferito dalla città settentrionale alla cittadina di Agordo, nelle Alpi a nord di Venezia, iniziando come piccolo fornitore di parti di montature per produttori di occhiali locali.

La sua azienda, EssilorLuxottica, ha subito una serie di acquisizioni per diventare infine il leader mondiale del settore. I nomi riconosciuti a livello mondiale Ray-Ban e Oakley sono stati tra le dozzine di marchi di occhiali che Del Vecchio ha acquistato per raggiungere la vetta.

Il patrimonio netto di Del Vecchio era di $ 25,7 miliardi al 1 giugno, secondo il Bloomberg Billionaires Index.

Deteneva una partecipazione del 32% in EssilorLuxottica, il gigante franco-italiano dell’occhialeria formato dalla fusione del 2018 tra Luxottica e il gigante francese delle lenti Essilor. L’azienda, che produce cornici per case di lusso come Armani e Prada, oltre a possedere marchi come Ray-Ban, conta oltre 180.000 dipendenti, sedi in tutto il mondo e una presenza nei settori della tecnologia medica e del lusso.

EssilorLuxottica è sia il più grande rivenditore di occhiali al mondo sia il più grande produttore di lenti correttive.

Timido e riservato

Timido e riservato per natura, Del Vecchio ha passato decenni evitando accuratamente i riflettori dei media.

Durante una rara chiacchierata con un giornalista all’inizio di quest’anno, al magnate è stato chiesto come avesse costruito il suo impero. “Ho sempre cercato di essere il migliore in tutto ciò che faccio, tutto qui”, ha detto.

Descrivendo il viaggio che lo ha portato in cima, ha detto semplicemente: “Non ne ho mai abbastanza”.

Oltre alla partecipazione in EssilorLuxottica, Del Vecchio deteneva anche azioni di società finanziarie italiane come Mediobanca SpA, Assicurazioni Generali SpA e UniCredit SpA.

Nato il 22 maggio 1935, Del Vecchio è cresciuto in povertà a Milano. Incapace di prendersi cura di suo figlio, sua madre, rimasta vedova cinque mesi prima della sua nascita, lo mandò in un orfanotrofio quando aveva sette anni. All’età di 14 anni inizia a lavorare come apprendista presso un produttore di utensili e vernici a Milano.

Del Vecchio si trasferì ad Agordo negli anni ’60 e avviò una piccola attività realizzando montature per occhiali disegnate da altri. Ha fondato Luxottica nel 1961 con 14 lavoratori su terreni ricevuti gratuitamente dalla città con l’obiettivo di stimolare l’economia locale.

Luxottica ha iniziato a produrre i propri modelli alla fine degli anni ’60. Negli anni ’80, Del Vecchio ha iniziato ad acquistare società negli Stati Uniti. Nel 1999 ha acquistato Ray-Ban per 640 milioni di dollari.

Nei primi anni della sua carriera, Del Vecchio disse di “mettere il lavoro al primo posto” e di trascorrere poco tempo con i suoi figli. “La fabbrica è diventata la mia vera famiglia”, ha detto e ha notato di aver recuperato il tempo perso negli ultimi anni, trascorrendo la maggior parte delle sue giornate con la sua famiglia allargata a Milano o nella sua casa sulla Costa Azzurra e sull’isola di Antigua.

L’obiettivo finale di Del Vecchio, ha detto in una delle ultime interviste rilasciate, era quello di spingere EssilorLuxottica nel club chiuso delle aziende valutate oltre 100 miliardi di euro (107 miliardi di euro).

È stato il maggiore azionista della banca d’affari Mediobanca SpA, con una quota di poco inferiore al 20%, e uno dei principali investitori di Assicurazioni Generali SpA, il più grande assicuratore italiano.

Faceva parte di un gruppo di investitori che nella prima metà del 2022 ha tentato senza successo di costringere l’amministratore delegato di Generali Philippe Donnet a ritirarsi. In Mediobanca si è periodicamente scontrato sulla strategia con l’amministratore delegato Alberto Nagel.

Del Vecchio ha detto che le sue incursioni nel settore finanziario sono nate dal pensare in grande.

“Devi essere abbastanza coraggioso per continuare a fare le cose, per andare avanti”, ha detto.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.