UE e NATO temono un governo di estrema destra in Italia in mezzo alla guerra in Ucraina (AFP)

Con le dimissioni del presidente del Consiglio Mario Draghi in Italia, Ue e Nato perdono un prezioso alleato per il loro sostegno all’Ucraina contro la Russia e temono anche l’ascesa al potere di due leader di estrema destra, l’euroscettica Giorgia Meloni e il russofilo Matteo Salvini, specifica l’Afp in un’analisi ripresa da Agerpres.

Giorgia Meloni, ex giornalista, guida i Fratelli d’Italia, considerati postfascisti, e Matteo Salvini è il leader della Lega, partito noto per la sua politica anti-immigrazione. A questi partiti viene attribuito quasi il 40% delle intenzioni di voto, secondo gli ultimi sondaggi, mentre mancano solo due mesi alle elezioni anticipate. Aggiungendo anche Forza Italia, il partito di destra di Silvio Berlusconi, l’alleanza di destra otterrebbe tra il 45% e il 48% dei voti.

A parte il commissario europeo Paolo Gentiloni, che ha denunciato apertamente gli “irresponsabili” che hanno portato alla caduta del premier italiano Mario Draghi, le prime reazioni dei leader occidentali sono state moderate. Il presidente francese Emmanuel Macron si è limitato a salutare “un grande statista” nella persona di Mario Draghi.

Gli europei sono preoccupati

Ma dietro le quinte, gli europei sono preoccupati, scrive AFP. Mario Draghi, che si è recato a Kiev a giugno con Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente Klaus Iohannis, “è stato un importante fattore di stabilità”, secondo un diplomatico in missione a Roma. “Qualunque sia il colore politico del futuro governo, è necessario che il sostegno politico, economico e militare dell’Ucraina continui senza sosta”, ha aggiunto.

Reagendo ad alcuni titoli della stampa italiana, Luca Ciriani, leader del gruppo Fratelli d’Italia al Senato, ha criticato mercoledì la “fake news che annuncia l’arrivo dei barbari alle porte” di Roma. “Abbiamo dimostrato la nostra serietà in politica estera, stando con l’Italia, l’Ue, la Nato e l’Ucraina, anche se avrebbe potuto costarci elettorale”, ha detto.

Giorgia Meloni, presidente del partito “Fratelli D’Italia” Foto: Profimedia Images

Guidata dal principio della sovranità degli Stati di appartenenza, Giorgia Meloni ha infatti condannato inequivocabilmente l’aggressione russa in Ucraina e difeso gli aiuti offerti a kyiv. Ma Matteo Salvini, dichiarato estimatore di Vladimir Putin, non riesce a “lavare” la sua immagine, mentre Silvio Berlusconi, amico personale del capo del Cremlino, non ha parlato affatto o lo ha fatto molto tardi.

Una coalizione nazionalista-conservatrice con una politica “tortuosa”.

Secondo l’analista geopolitico Alfio Sciaresa, una coalizione nazionalista-conservatrice avrebbe probabilmente “una politica tortuosa, con molte tensioni interne legate alle diverse posizioni internazionali dei tre partiti”. L’impegno dell’Italia nei confronti della Nato “non può essere messo in discussione”, ma “potremmo vedere iniziative isolate dei partiti al governo che minerebbero la fiducia nel nostro Paese e indebolirebbero la politica occidentale nei confronti di Putin”, ha sottolineato.

Italia: Il leader italiano della Lega Nord Matteo Salvini invitato al talk show Porta a Porta TV
Il leader della Lega Matteo Salvini è un ammiratore dichiarato di Vladimir Putin Foto: Profimedia Images

La testata francese “Le Monde” scrive in un editoriale di temere “lo sconvolgimento geopolitico che il ritorno al potere, durante le prossime elezioni, pieno di energica ansia all’approssimarsi dell’inverno, di queste formazioni con un passato difficile compiacimento verso Vladimir Putin “.

Giovedì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha inviato un messaggio molto diplomatico su Twitter, osserva AFP. Rendendo omaggio al destituito Presidente del Consiglio italiano, ha dichiarato al contempo di essere convinto che la Roma sarebbe rimasta a Kiev.

“Grazie sincera a Mario Draghi, per il suo forte sostegno all’Ucraina nella lotta contro l’aggressione russa e per la difesa dei valori europei comuni di democrazia e libertà”, ha affermato. “Continueremo a lavorare insieme per rafforzare la cooperazione tra Ucraina e Italia. Sono convinto che il sostegno attivo degli italiani all’Ucraina continuerà”, ha affermato Volodymyr Zelensky.

Altro nodo cruciale per l’Occidente, la volontà dell’Italia di liberarsi della presa che la Russia ha su di sé in termini di risorse energetiche. “Il futuro dirigente dovrà continuare gli enormi sforzi per ridurre la dipendenza dell’Italia dall’energia russa fatti da Mario Draghi”, che ha firmato un importante contratto per l’acquisto di gas dall’Algeria, ha sottolineato il diplomatico europeo intervistato dall’Afp.

Leggi anche: Nel giorno delle dimissioni del premier Mario Draghi, la Russia aumenta le forniture di gas all’Italia

Editore: Luana Pavvaluca

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.