Tre persone di Alès sono salite in cima al Monte Bianco

I giovani provengono da diversi campi di attività, ma tutti e tre sono appassionati di natura e movimento. Sebi lavora nell’edilizia a Vienna, Sergiu è impiegato presso Holcim Romania e Adrian è un insegnante di educazione fisica e sport. Non è la prima volta che si trova su un percorso che ha molte sfide. Fin dall’inizio, “hanno preso la montagna al petto”.

Durante questo periodo, la stampa internazionale scrive che le temperature estreme in Francia colpiscono non solo la popolazione, ma anche i ghiacciai della regione alpina di Chamonix. Le escursioni in montagna sono state limitate o addirittura annullate per paura delle valanghe. A causa delle temperature estreme, le guide alpine della regione alpina di Chamonix hanno un numero limitato di gite programmate sul massiccio del Monte Bianco. Le salite sono diventate troppo pericolose a causa del ripetuto distacco di pezzi di pietra e del loro crollo sui percorsi turistici. Gli abitanti di Alès hanno visto con i propri occhi questo fenomeno.

“Siamo appassionati della natura e di tutto ciò che significa salute attraverso il movimento. La prima via insieme è stata anche una delle più difficili. È la strada per Vârful Moldoveanu, partendo da Bâlea Lac, era nel 2020. Da allora, ho ha attraversato molte strade in questa formula, spesso accompagnato da altri amici amanti della montagna”, afferma il professor Adrian Koșa. Trascorse un anno tra l’elaborazione del piano per l’attacco al Monte Bianco e la conquista delle cime del massiccio. La condizione fisica, l’esercizio fisico regolare era un vantaggio. Negli ultimi tre mesi hanno seguito un allenamento specifico con un alpinista e hanno intensificato la loro formazione.

Nel Paradiso delle Alpi

“L’idea di provare a scalarla è nata da una discussione che abbiamo avuto durante le escursioni nell’estate del 2021. Non è passato molto tempo prima che acquistassimo la nostra prima attrezzatura e abbozzassimo un piano della . Come corridore regolare, ho migliorato la mia forma fisica negli ultimi 3 mesi con lunghe corse alcune volte a settimana. Tecnicamente, siamo stati aiutati da Dorel Miheș, un alpinista tradizionale della zona, che ringraziamo anche in questa occasione. Abbiamo fatto il nostro acclimatamento sulla montagna più alta situata interamente in territorio italiano, il Gran Paradiso, trascorrendo una notte al rifugio Chabod, situato a 2750 m., e il giorno successivo riuscendo a raggiungere la vetta, a 4061 m. Purtroppo senza Sebi, che ha avuto difficoltà ad abituarsi alla quota e che ci aspettava al rifugio”, spiega Sergiu Tunduc.

Il Parco Nazionale del Gran Paradiso si trova in Italia, in Valle d’Aosta e Piemonte. Fu fondato nel 1922, essendo il primo parco nazionale d’Italia. Il parco ha una superficie di 70.318 ha. che è composto principalmente da terreno montuoso. Ad ovest confina per una distanza di 14 km con il confine con la Francia (Parco Nazionale della Vanoise). Le guide rumene che fanno questo percorso dicono che non è estremamente tecnico, ma si svolgerà sul ghiacciaio e tra i crepacci, quindi è obbligatorio camminare legati con una corda, con ramponi e piccozza.

Emozioni sulla cupola

Sebastian Țirtea ci ha raccontato che dopo un giorno di riposo hanno iniziato la scalata del Monte Bianco.

“E’ stata una salita strutturata di tre giorni, sulla classica via italiana, che a differenza delle vie francesi, non beneficia di nessun tipo di trasporto meccanizzato. La prima giornata è consistita nella via della Val Veny – il rifugio Francesco Gonella ( 3071 m .), che ha impiegato circa 6 ore, arrivando al rifugio intorno alle 16:30. Abbiamo cenato alle 18:30, dopodiché ci siamo riposati fino alle 23:30 quando abbiamo dovuto svegliarci per la colazione alle 00:00. Il giorno successivo, alle 00:45 abbiamo siamo partiti per la vetta, con altre squadre.Nella prima parte del percorso abbiamo attraversato il ghiacciaio del Dome, che ci ha regalato alcune emozioni.L’unica strada percorribile era costellata da ampi crepacci, di cui bisognava superare uno di essi Davanti a noi sono saltati fuori 5 francesi, tre dei quali sono caduti nel crepaccio, ma, essendo legati alla corda, sono stati assicurati dai colleghi e sono riusciti a uscire senza problemi.Superando questo ostacolo, siamo arrivati la cresta, dove il vento ha iniziato a soffiare forte, ma i primi segni di alba ci hanno motivato a proseguire”.

I temerari di Alesd sentivano cosa significa combattere la montagna, ma la voglia di arrivarci, in vetta, era più forte della fatica che stava tramontando nei corpi dei giovani.

“Poco dopo le 6 del mattino siamo arrivati ​​al rifugio Vallot, situato a 4362 m., dove ci siamo riposati per mezz’ora. quasi sconfitti, ma abbiamo deciso di proseguire verso la vetta, anche se a ritmo più lento. Alle 8:30 siamo abbiamo mosso i primi passi in vetta, molto eccitati ed emozionati.Dopo mezz’ora iniziamo la discesa, e una volta arrivati ​​sulla cresta percorsa al buio, ci rendiamo conto che è molto più intimidatorio di quanto sembrasse a prima vista, in l’assenza di luce era molto più tenue, i ponti di ghiaccio sopra i crepacci più instabili e le rocce cadevano quasi costantemente sui pendii circostanti.Alle 14:45 siamo arrivati ​​al rifugio Gonella, dove ci siamo goduti il ​​successo, abbiamo cenato e riposati. Il terzo giorno, siamo scesi in Val Veny, ci siamo rinfrescati in un lago ghiacciato aire, dopo alcune ore di sole ininterrotto, e tornò a Courmayeur riconoscente.

Su tutta la montagna erano visibili i segni di un inverno molto secco e le conseguenze delle alte temperature erano evidenti. Tornato a casa, ho appreso che il rifugio Gonella sarebbe stato chiuso tra pochi giorni, per mancanza d’acqua e, come sul versante francese, le guide smettono di salire la montagna con i clienti, a causa della sempre maggiore affluenza ai crepacci. e le cadute di massi sempre più numerose sono le più frequenti.

Ci riteniamo estremamente fortunati durante tutta la spedizione, dato che siamo saliti senza l’ausilio di una guida e tutto è andato liscio con noi, comprese le condizioni meteorologiche, che a parte le alte temperature, erano perfette. Vorremmo ringraziare le nostre famiglie e i nostri amici per la loro fiducia, comprensione e supporto, che insieme ci hanno aiutato a sentire ogni passo avanti più facilmente”, afferma il professore.

Adrian Koșa è pronto per altre sfide con i suoi amici.

“Non abbiamo un piano prestabilito, ma siamo aperti e speriamo di tornare sani e salvi da quante più spedizioni possibili”, ci ha detto Adrian Koșa.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.