Taiwan, giorno 3. Taiwan ha sparato razzi per inseguire i droni nemici vicino alle isole esterne. Il sito web del Ministero della Difesa di Taiwan è stato temporaneamente chiuso a causa di attacchi informatici

Taiwan prevede un’escalation della “guerra psicologica”

Taiwan si è impegnata a rafforzare la sicurezza contro possibili interruzioni da parte di “forze straniere”, inclusa la lotta agli attacchi informatici, poiché le tensioni con la Cina aumentano dopo la visita di Pelosi a Taipei mercoledì.

Il portavoce del governo taiwanese Lo Ping-cheng ha dichiarato in una conferenza stampa che le autorità hanno rafforzato la sicurezza nelle infrastrutture chiave, comprese centrali elettriche e aeroporti, e aumentato il livello di allerta della sicurezza informatica negli uffici governativi, riferisce Reuters.

Lo prevede che Taiwan sarà l’obiettivo di una “guerra psicologica” attraverso campagne di disinformazione nei prossimi giorni.

Stiamo assistendo a una guerra psicologica più forte che mai e che si intensificherà nei prossimi giorni”, ha detto Lo.

I funzionari taiwanesi hanno ripetutamente messo in guardia contro quella che vedono come una campagna cinese per indebolire il sostegno popolare al governo.

Reazioni internazionali

  • Il blocco dell’ASEAN avverte delle conseguenze della volatilità e che potrebbe portare a “calcoli errati, seri scontri, conflitti aperti e conseguenze imprevedibili tra le grandi potenze”.
  • L’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico ha espresso le osservazioni in una dichiarazione dei ministri degli Esteri dopo che il presidente del blocco, la Cambogia, ha invitato tutte le parti a ridurre le tensioni a Taiwan.
  • L’ambasciatore cinese in Francia ha affermato che il popolo taiwanese sarebbe stato “rieducato” dopo la riuscita annessione della Cina. L’ambasciatore Lu Shaye ha accusato il Partito Democratico Progressista al potere di diffondere propaganda “estremista” e di aver messo il popolo taiwanese contro la “riunificazione” con la Cina.
  • Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi definisce la visita di Pelosi una “farsa completa” e promette di punire coloro che offendono la Cina. “La tendenza storica irreversibile del ritorno di Taiwan in madrepatria non può essere modificata. Chi offende la Cina sarà sicuramente punito”, ha affermato.
  • Il capo degli affari esteri dell’UE Josep Borrell ha ribadito la posizione del G7 sulle esercitazioni militari pianificate dalla Cina dopo la visita di Pelosi a Taiwan: “Non c’è giustificazione per usare una visita come pretesto per un’attività militare aggressiva nello Stretto di Taiwan. È normale e comune per i legislatori in i nostri paesi a viaggiare all’estero”, ha detto.
  • Il presidente del Paraguay ha espresso la sua solidarietà a Taiwan su Twitter, la nazione sudamericana è una delle 14 nazioni che riconoscono ufficialmente Taiwan come paese. “Il Paraguay esprime la sua solidarietà alla Repubblica di Cina (Taiwan) nel contesto delle minacce contro di essa”, ha affermato Mario Abdo Benítez su Twitter.

Il presidente sudcoreano ha parlato al telefono con Pelosi

La presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi è arrivata mercoledì sera a Seoul, dove dovrebbe incontrare il presidente dell’Assemblea nazionale sudcoreana Kim Jin-pyo e i leader del Partito conservatore al potere, il partito del potere popolare. così come il Partito Democratico della Corea di opposizione

L’agenzia di stampa Yonhap riporta ora che il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol ha parlato al telefono con Pelosi.

Il Ministero della Difesa di Taiwan riferisce che il sito web dell’istituto è stato oggetto di attacchi informatici

Il ministero della Difesa di Taiwan ha affermato che il suo sito Web ha subito attacchi informatici. Il sito è stato temporaneamente chiuso giovedì, aggiungendo che sta lavorando a stretto contatto con altre autorità per rafforzare la sicurezza informatica mentre aumentano le tensioni con la Cina.

L’impegno degli Stati Uniti per la democrazia a Taiwan “rimane fermo”

La presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha concluso la sua visita a Taiwan mercoledì con l’impegno a sostenere la democrazia nell’isola autonoma di Taiwan.

Pelosi ha ricevuto un’accoglienza euforica ed è stato persino decorato dal presidente di Taiwan, essendo il primo presidente della Camera dei rappresentanti a visitare l’isola in oltre 25 anni.

Prima di partire Pelosi, calmo e determinato, ripeteva che il mondo aveva del lavoro da fare una scelta tra democrazia e autocrazia“.

La determinazione dell’America a preservare la democrazia, qui a Taiwan e in tutto il mondo, rimane ferma”.lei dice.

Le amministrazioni Biden e Pelosi hanno indicato che gli Stati Uniti restano impegnati nella cosiddetta politica Una Cinache riconosce il regime di Pechino, ma consente relazioni informali e legami militari con il governo di Taipei.

.

Taiwan ha sparato razzi per inseguire i droni nemici vicino alle isole esterne

Giovedì il ministero della Difesa di Taiwan ha dichiarato che aerei senza pilota non identificati, forse droni cinesi, hanno sorvolato la regione delle Isole Kinmen, che si trova appena al largo della costa sud-orientale della Cina, mercoledì sera e hanno lanciato razzi per prenderli di mira.

Un alto funzionario militare delle isole Kinmen di Taiwan ha aggiunto che la situazione è “normale” nelle isole, compreso il livello di allerta militare.

Il maggiore generale Chang Zone cantato dal Kinmen Defense Command dell’esercito della Repubblica cinese a Taiwan ha detto a Reuters che i droni nemici sono arrivati ​​in coppia e hanno sorvolato l’area di Kinmen due volte mercoledì sera.

“Ho immediatamente sparato razzi per avvisarli e scacciarli. Dopodiché sono tornati. Sono entrati nella nostra area riservata ed è per questo che li abbiamo dispersi. Abbiamo una procedura operativa standard. Ci vendicheremo se entrano”, ha detto il generale, aggiungendo che il livello di allerta è rimasto “normale”.

Chang crede che i droni siano stati inviati per raccogliere informazioni sulle operazioni di sicurezza di Taiwan nelle sue isole esterne.

La scorsa settimana, l’esercito taiwanese ha anche sparato razzi per cacciare un drone cinese che volava nell’arcipelago Matsu al largo della provincia cinese del Fujian, ha affermato il ministero della Difesa di Taiwan.

Il G7 chiede alla Cina di risolvere le divergenze con Taiwan

Le democrazie più potenti del mondo hanno criticato la Cina per “aver sollevato le tensioni e destabilizzato la regione” attraverso la sua risposta aggressiva alla visita della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan.

Gli alti diplomatici del G7 mercoledì hanno affermato di essere “preoccupati per i recenti atti di aggressione da parte della Repubblica popolare cinese, in particolare esercitazioni a fuoco vivo e tattiche di coercizione economica che rischiano un’inutile escalation”.

I ministri degli Esteri di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Gran Bretagna, Stati Uniti e Ue hanno dichiarato: “Non c’è giustificazione per usare una visita come pretesto per un’aggressiva attività militare nello Stretto di Taiwan. È normale e consuetudine che i legislatori dei nostri paesi intraprendano viaggi internazionali. La crescente risposta della Cina rischia di aumentare le tensioni e destabilizzare la regione.

Il presidente della Corea del Sud non incontrerà Pelosi a Seoul perché è in vacanza

Dopo la sua storica visita a Taiwan, l’alto funzionario statunitense è arrivato a Seoul mercoledì sera come parte del suo tour asiatico.

Il presidente della Camera dei rappresentanti, che è il terzo statista, incontrerà il presidente dell’Assemblea nazionale della Corea del Sud, Kim Jin-pyo, e i leader del Partito conservatore del potere popolare, nonché i leader dell’opposizione Giovedì il Partito Democratico. .

Il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol non ha intenzione di incontrare Pelosi mentre è in vacanza estiva, ha detto un funzionario dell’ufficio presidenziale.

L’ex ambasciatore cinese in Gran Bretagna afferma che il territorio di Taiwan appartiene storicamente alla Cina e la riunificazione è inevitabile.

L’ex ambasciatore ha avvertito gli Stati Uniti di smettere di ostacolare la “grande causa di riunificazione” della Cina e ha descritto il processo come “inevitabilità storica”.

“Il raggiungimento della completa riunificazione nazionale è la tendenza generale e un’inevitabilità storica. Non daremo mai spazio alla divisione dell’indipendenza di Taiwan e all’interferenza delle forze straniere.

Non importa quanto gli Stati Uniti sostengano e tollerino “l’indipendenza di Taiwan”, lascerà solo brutte tracce della palese ingerenza degli Stati Uniti negli affari interni di altri paesi.

Il problema di Taiwan è nato dalla debolezza e dal caos del Paese e in futuro finirà sicuramente con il ringiovanimento della nazione”.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.