Quanto male l’Europa si è preparata all'”ondata di fuoco”. “Il divario tra il livello di pericolo e il ritmo di azione è scandaloso”

L’Europa era impreparata al caldo estremo che ha vissuto in quel luglio infernale. Ciò è evidente nel bilancio delle vittime dell’ondata di caldo finora: con oltre 2.000 persone note per essere morte in Spagna e Portogallo, un numero destinato a crescere quando i dati saranno diffusi in Francia, Regno Unito, Belgio e Paesi Bassi e in tutto il centro e L’Europa dell’Est dove il caldo è rimasto ancora nel fine settimana.

La mancanza di preparazione dell’Europa è stata evidente quando massicci incendi si sono diffusi in Francia, Spagna, Grecia e Portogallo la scorsa settimana e, invece di schierare ulteriori aerei antincendio, l’Unione Europea era in trattative per acquistarli.

Questo può essere visto anche nell’impatto dell’ondata di caldo sull’economia, con le infrastrutture energetiche, di trasporto e tecnologiche che lottano per funzionare a temperature che superano i 40 gradi Celsius.

Poiché le temperature hanno raggiunto i massimi storici in tutto il continente, compresa la Gran Bretagna, gli scienziati hanno avvertito che non si trattava di un incidente strano: il calore da questo estremo e anche più alto ritornerà con una frequenza crescente a causa dei cambiamenti climatici.

Sebbene la gravità dell’ondata di caldo sia nuova, la risposta e le precauzioni che i governi prendono – o non prendono – di fronte al caldo estremo possono determinare il bilancio delle vittime e il livello di disgregazione sociale ed economica.

“È davvero così che gestiamo”, ha affermato Maarten van Aalst, direttore del Centro per il clima della Croce Rossa e membro del comitato consultivo scientifico dell’UE sui cambiamenti climatici. “In un certo senso, quelle centinaia di vite perse durante le ondate di caldo sono tutte vite sprecate”.

Al più alto livello, i governi europei semplicemente non riescono a prepararsi adeguatamente per un pianeta più caldo. Tutti i paesi dell’UE hanno elaborato piani nazionali su come intendono affrontare il cambiamento climatico. Ma sono spesso superficiali e non finanziati.

Secondo il diritto dell’UE, ogni paese membro è tenuto a segnalare quanto spende per il cosiddetto “adattamento climatico”, in totale e per settore. Analisi Politica dei loro rapporti mostrano che 20 paesi su 27 forniscono pochi o nessun dettaglio sui loro piani di spesa.

“Semplicemente non li hanno”, ha affermato Wouter Vanneuville, esperto di adattamento ai cambiamenti climatici presso l’Agenzia europea dell’ambiente (AEA).

Risposta disastrosa

Il caldo è il disastro naturale più mortale in Europa. Negli ultimi quattro decenni, tra le 76.000 e le 128.000 persone sono morte a causa delle ondate di caldo, secondo i dati dell’AEA condivisi con POLITICO.

Ma il numero più alto di decessi legati al caldo negli ultimi decenni non è stato registrato nella Spagna o in Italia tipicamente calde, ma in Germania, sottolineando il ruolo svolto dalle politiche locali e dai livelli di preparazione.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, meno della metà dei 27 paesi dell’UE ha piani d’azione per gestire gli effetti sulla salute del caldo estremo e, di quelli che lo fanno, più della metà sono sottofinanziati.

“La discrepanza tra il livello di pericolo e il ritmo dell’azione è scandalosa”, ha affermato Martin Herrmann, medico di Monaco e presidente dell’Alleanza tedesca per la protezione del clima e la salute, una rete di operatori sanitari. “Non sappiamo quando sarà il prossimo grande evento e non siamo pronti”.

Alcuni paesi hanno iniziato ad agire dopo un’ondata di caldo mortale nel 2003. La Francia ha adottato un cosiddetto piano per l’ondata di caldo per allertare e proteggere meglio i residenti; molte delle sue autorità cittadine hanno anche registrato i loro cittadini più vulnerabili in modo che possano contattare esperti sanitari per consigli vitali mentre si avvicina un’ondata di caldo.

Van Aalst ha affermato che tali politiche hanno ridotto drasticamente i tassi di mortalità. Ma i livelli di formazione variano considerevolmente.

Cinque anni dopo che il ministero dell’Ambiente tedesco aveva chiesto piani d’azione locali per il riscaldamento, un’indagine del quotidiano Die Zeit su 300 autorità distrettuali tedesche ha rilevato che l’80% non aveva protocolli in atto.

Il paese è anche impreparato a combattere gli incendi alla velocità e alla scala con cui ora stanno inghiottendo vasti tratti di terra. Nella sola Renania settentrionale-Vestfalia, in quattro giorni sono scoppiati 11 incendi.

Anche quando si dirigono verso campi e foreste in fiamme, i vigili del fuoco sono alle prese con una rete burocratica intricata, ha affermato Ulrich Cimolino dell’Associazione tedesca dei vigili del fuoco.

I capi di brigata devono richiedere gli elicotteri antincendio al locale comando di comando, che deve farne richiesta al governo regionale, che deve farlo al ministero federale dell’Interno, che poi verifica se la polizia regionale o federale o i piloti dell’esercito sono disponibili a volare.

Nella migliore delle ipotesi, questo processo richiede da una a due ore, ha detto Cimolino ai media tedeschi. Ma alcuni stati richiedono anche la compilazione di moduli – mentre l’incendio si sta diffondendo – il che significa che l’approvazione può richiedere ore.

In contrasto con la Grecia, dove le autorità questa settimana hanno schierato 15 aerei per combattere gli incendi nell’area di Atene entro 26 minuti dal rilevamento dell’incendio, ha riferito il quotidiano Kathimerini.

Colpo economico

L’incentivo ad adattarsi alle temperature più elevate è anche economico. In molte parti d’Europa, l’ondata di caldo ha causato il guasto di infrastrutture critiche alle alte temperature.

A Londra, l’aeroporto di Luton ha dovuto sospendere i voli dopo che il caldo ha danneggiato la pista. Gran parte del sistema ferroviario del Regno Unito è stato chiuso. Nei Paesi Bassi, Amsterdam ha dovuto spruzzare acqua sui suoi ponti per mantenerli in funzione, mentre in Italia le autostrade e le linee ferroviarie che collegano Trieste al resto del Paese hanno dovuto essere chiuse a causa degli incendi che hanno colpito l’area.

In Francia e Belgio, le centrali nucleari hanno interrotto o ridotto il loro funzionamento perché l’acqua di raffreddamento stava diventando troppo calda.

Anche il cyberspazio non è immune dal caldo. Questa settimana, la divisione cloud di Google e Oracle ha subito “guasti” delle unità di raffreddamento nel Regno Unito – Oracle ha citato “temperature elevate insolite” come causa.

Anche l’adeguamento delle infrastrutture e delle città affinché siano resistenti al calore avrà un prezzo elevato.

La maggior parte delle case nel nord Europa sono costruite per trattenere piuttosto che evacuare il calore e in genere non dispongono di unità di condizionamento dell’aria, il che significa che renderle più resistenti al calore richiederà massicci lavori di ristrutturazione. Le case spagnole hanno circa quattro volte più aria condizionata rispetto alle case francesi. Le stime del Regno Unito vanno dall’1 al 5% delle famiglie.

Le città tendono anche a essere pianificate senza considerare come il calore può essere intrappolato quando il mercurio raggiunge livelli estremi, creando il cosiddetto effetto “isola di calore”. Per far fronte a un futuro più caldo sarà necessario piantare alberi, adattare i regolamenti edilizi e investire in materiali in grado di resistere al caldo e al freddo.

Cambia mentalità

L’ultima frontiera della formazione è nella mente degli europei. Anche se le agenzie meteorologiche hanno emesso avvisi sempre più frenetici sul rischio per la vita rappresentato dal caldo record, molte persone hanno messo via i barbecue e la crema solare, pronte per il divertimento estivo.

È un “enigma”, ha detto van Aalst, perché per la maggior parte delle persone il caldo è gestibile. Sezioni della stampa britannica hanno deriso le persone colpite per aver lanciato l’allarme sul fatto che anziani, giovani e malati corrono un rischio molto maggiore nelle giornate calde.

“Puoi ridere all’idea che una bella giornata in spiaggia sia un fenomeno pericoloso. Ma questi sono i veri effetti che abbiamo appena visto nei nostri paesi”, ha detto.

In Germania, anche le istituzioni responsabili delle persone vulnerabili, come le case di cura e gli asili nido, spesso non vedono le alte temperature come una minaccia.

Questa settimana in Baviera, dove nessun governo locale ha redatto un piano d’azione per il caldo, “a 36 gradi le scuole stanno ancora organizzando gare sportive e poi sono sorprese quando i bambini crollano”, ha detto Herrmann dell’Alleanza per la protezione del clima e la salute . “Non abbiamo ancora questo riflesso sociale per riconoscere il pericolo del caldo”.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.