La Russia vieta agli investitori dei paesi “ostili” di vendere azioni detenute in progetti energetici e banche – 08/06/2022

Secondo News.ro, la Russia ha vietato agli investitori dei cosiddetti paesi ostili di vendere azioni in progetti energetici chiave e banche fino alla fine dell’anno, aumentando la pressione nella lite con l’Occidente per le sanzioni.

I paesi occidentali e i loro alleati, incluso il Giappone, hanno imposto restrizioni finanziarie alla Russia da quando ha inviato truppe in Ucraina alla fine di febbraio.

Mosca ha reagito imponendo restrizioni alle compagnie occidentali e ai loro alleati che lasciavano la Russia e, in alcuni casi, confiscando i loro beni.

L’ordine esecutivo, firmato dal presidente Vladimir Putin e pubblicato ieri, vieta immediatamente agli investitori dei paesi che hanno sostenuto sanzioni contro la Russia di vendere i propri asset in accordi di condivisione della produzione (PSA), banche, entità strategiche, imprese produttrici di apparecchiature energetiche, nonché in altri progetti, dalla produzione di petrolio e gas di carbone e nichel.

Putin potrebbe emettere una deroga speciale in alcuni casi affinché le transazioni continuino, afferma il decreto, e il governo e la banca centrale dovrebbero preparare un elenco di banche per l’approvazione del Cremlino.

Il decreto non menzionava alcun investitore per nome.

Il divieto copre quasi tutti i principali progetti finanziari ed energetici in cui gli investitori stranieri hanno ancora partecipazioni, incluso il progetto petrolifero e del gas Sakhalin-1.

Giovedì, il gruppo Rosneft ha accusato la Exxon Mobil del calo della produzione del gruppo sul campo Sakhalin-1, dopo che la compagnia energetica americana ha dichiarato di essere in procinto di trasferire la sua quota del 30% “a un’altra parte”. “

Separatamente, un decreto governativo firmato il 2 agosto ha concesso agli investitori stranieri nel progetto Sakhalin-2 per il gas naturale liquefatto (GNL) – Royal Dutch Shell e le società commerciali giapponesi Mitsui & Co e Mitsubishi) – un mese per rivendicare i propri interessi in una nuova entità che sostituirà il progetto esistente.

Il nuovo decreto non copre il progetto Sakhalin-2, ha affermato.

Exxon ha rifiutato di commentare. Giovedì, prima del divieto, Exxon ha affermato di aver compiuto progressi significativi nell’uscita da Sakhalin-1 e l’uscita è stata un processo complesso. In qualità di ex operatore, Exxon “ha l’obbligo di garantire la sicurezza umana, la protezione dell’ambiente e l’integrità operativa”, ha affermato giovedì il portavoce Casey Norton.

Shell stava esplorando le opzioni per ritirarsi dal progetto, mentre il governo giapponese ha ribadito il desiderio che le società giapponesi mantengano le loro quote.

Le italiane UniCredit e Intesa, il gruppo statunitense Citi e l’austriaca Raiffeisen continuano a cercare opzioni per uscire dalla Russia, mentre altre banche come Société Générale e HSBC hanno trovato un’uscita.

Citigroup ha rifiutato di commentare ieri, ma la banca ha detto giovedì che continuerà a ridurre le operazioni e l’esposizione alla Russia. Citigroup ha smesso di sollecitare nuovi affari o nuovi clienti in Russia, ha affermato. Citigroup ha rivelato un’esposizione di $ 8,4 miliardi alla Russia al 30 giugno, rispetto ai $ 7,9 miliardi alla fine del primo trimestre. L’esposizione è aumentata a causa dell’aumento del valore del rublo.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.