Il regista ucraino arrestato in Italia su richiesta della Russia è stato rilasciato

Un regista d’opera ucraino arrestato in Italia per volere della Russia ha affermato di sperare di essere “l’ultima vittima dello sfruttamento russo dell’Interpol”. Yevhen (Eugene) Lavrenciuk è stato incarcerato a Napoli per più di 2 mesi dopo che la Russia ha presentato ricorso per il suo arresto con un “avviso rosso”, uno strumento un tempo utilizzato per catturare i criminali fuggitivi ma ora utilizzato anche per catturare i dissidenti politici.

Il nome di Lavrenciuk è stato successivamente rimosso dall’elenco dei “più ricercati” dopo che l’Interpol ha informato le autorità russe e italiane all’inizio di gennaio che la sua inclusione nell’elenco non era coerente con un articolo del suo statuto che vietava “qualsiasi intervento o attività di natura politica, militare, religiosa o razziale“.

La Russia ha poi risposto dicendo che il suo arresto e l’estradizione dall’Italia erano giustificati perché Lavrenciuk ha commesso reati finanziari quando era direttore del teatro polacco a Mosca, secondo Il guardiano.

Lavrenciuk ha lasciato la Russia per l’Ucraina nel 2014 per protestare contro l’annessione della Crimea quell’anno. Ha detto che le accuse contro di lui erano “completamente false” e che era stato perseguitato dalla Russia per aver espresso pubblicamente la sua indignazione.

La Corte d’Appello di Napoli lo ha rilasciato la scorsa settimana su richiesta del ministro della Giustizia italiano Marta Cartabia, che lo ha affermato “in vista dei drammatici sviluppi riguardanti l’Ucraina”Lavrenciuk potrebbe essere oggetto di a “trattamento contrario ai suoi diritti fondamentali” se viene estradato in Russia, perché è ucraino e oppositore del presidente russo Vladimir Putin.

Il 17 marzo è prevista un’udienza, durante la quale il regista 39enne verrà informato che la sua estradizione è stata respinta.

Lavrenciuk, prima incarcerato nel carcere di Poggioreale prima di essere trasferito agli arresti domiciliari, è libero di lasciare l’Italia, ma vuole restare nella penisola per risolvere il suo problema.

Sono grato a Marta Cartabia per aver chiesto la mia liberazione”. ha detto al Guardian. “Ha detto che dovrei essere rilasciato immediatamente a causa della guerra, perché sono ucraino e perché mi sono opposto a Putin, ma non voglio speculare sulla guerra. Voglio essere libero, non perché sono ucraino, ma perché sono innocente“, ha anche detto.

Lavrenciuk ha detto di non sapere di essere stato braccato dalla Russia fino al suo arresto il 17 dicembre in un hotel di Napoli. È stato trasportato qui in scalo, di ritorno da Tel Aviv, dove vive sua sorella, e con l’intenzione di proseguire per Leopoli, in Ucraina, dove vive.

“Mi hanno preso il passaporto, non capivo perché, ma alla fine me lo hanno restituito e mi hanno detto che potevo partire, ma era troppo tardi, avevo perso il volo e il prossimo era tra due giorni Così ho prenotato una camera d’albergo a Napoli e sono stato felice di avere del tempo libero“, Egli ha detto.

Ma il giorno dopo viene arrestato. “È stato uno shock totale”Egli ha detto. “Sono stato molto aperto e non sono mai scappato dalla realtà. La Russia mi cerca dal 2020, ma ho viaggiato molto e non ho mai avuto problemi alle frontiere”.

Le accuse della Russia contro Lavrenciuk risalgono a otto anni fa, quando avrebbe frodato uno dei suoi studenti a cui avrebbe chiesto soldi per riparare l’edificio del teatro polacco.

Lavrenciuk viveva a Mosca dal 2000, ma ha detto che dopo il 2014 il paese era diventato “una zona grigia”. Ha anche affermato di aver condannato il regime di Putin, di essere stato perseguitato a causa di ciò ed è stato persino picchiato fuori dal Teatro dell’Opera e del Balletto di Odessa, di cui era il direttore, nel dicembre 2020.

L’uso improprio di Interpol Red Notice da parte di regimi autoritari che cercano di punire gli oppositori è stato esaminato da esperti legali, gruppi per i diritti umani e citato in rapporti al Congresso degli Stati Uniti e al Parlamento europeo.

“C’è stato molto dibattito sull’abuso dell’Interpol da parte della Russia”disse Alfonso Tatarano, avvocato di Lavrenciuk.

Il regista ha detto di non avere risentimento verso l’Italia per essere stato arrestato qui, perché il Paese “rispettare le convenzioni internazionali”ma ha invitato la comunità internazionale a escludere la Russia dal sistema Interpol. “La Russia sfrutta questo strumento contro i suoi critici, compromettendo l’intero sistema Interpol. Non sono la prima vittima di questo meccanismo, ma spero di essere l’ultima”.

Il regista ha anche affermato di parlare costantemente con i suoi genitori che vivono a Leopoli: “Ora è abbastanza tranquillo lì, ma potrebbe cambiare rapidamente.Vorrebbe tornare in Ucraina dopo l’udienza della prossima settimana “con tutti i mezzi”, ma non vuole combattere. “Non potrei mai uccidere nessuno, ma forse potrei essere utile in un altro modo.”

Editore: DC

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.