il clima imprenditoriale in Italia e Germania è al collasso

Secondo Bloomberg, la fiducia delle imprese e dei consumatori italiani è fortemente diminuita a causa delle preoccupazioni per le conseguenze economiche dell’invasione russa dell’Ucraina.

L’indice del sentiment economico è sceso a 105,4 di marzo dai 107,9 di febbraio, ha detto venerdì l’ufficio statistico Istat. Le misure di fiducia dei consumatori e manifatturiere sono entrambe diminuite, con la prima che ha raggiunto il livello più basso da gennaio 2021.

Secondo il ministro delle finanze italiano Daniele Franco, la crescita economica italiana subirà una battuta d’arresto potenzialmente significativa a causa della guerra, dell’inflazione dei prezzi dell’energia e delle interruzioni della catena di approvvigionamento. Tuttavia, la Commissione Europea prevede attualmente un’espansione economica del 4,1%.

Gli ordini e le aspettative di vendita sono peggiorate nel settore manifatturiero, dei servizi e del commercio, con l’edilizia che è l’unico settore in cui rimane l’ottimismo, ha affermato l’istituto di statistica. Secondo l’istituto, i consumatori si aspettano che l’economia italiana e la loro situazione personale in futuro si deteriorino, il che li renderà meno disposti a investire in beni durevoli.

Il governo ha speso più di 16 miliardi di euro (17,6 miliardi di dollari) per mitigare l’impatto dell’aumento dei costi energetici su famiglie e imprese, adottando di recente misure aggiuntive, tra cui una riduzione delle tasse sul prezzo del carburante alla pompa. Il Tesoro lancerà il suo nuovo piano di bilancio la prossima settimana, quando gli obiettivi di crescita e disavanzo potrebbero essere rivisti.

Una situazione simile si registra in Germania. Un indicatore delle aspettative delle imprese dell’Istituto Ifo di Monaco di Baviera è sceso a 85,1 a marzo da 98,4 a febbraio.

Dati separati della Commissione europea questa settimana hanno mostrato un calo simile del sentimento dei consumatori nell’eurozona.

“Il clima economico nell’economia tedesca è crollato”, ha dichiarato venerdì il presidente dell’Ifo Clemens Fuest. “Le aziende tedesche si aspettano tempi difficili”.

La guerra in Ucraina sta attenuando le previsioni di una crescita economica più lenta e di un’inflazione più rapida a causa dell’interruzione dei mercati e del commercio dell’energia. La Bundesbank ha affermato questa settimana che il rimbalzo del virus, previsto nel secondo trimestre, potrebbe essere significativamente più debole, sebbene i primi tre mesi del 2022 abbiano visto una stagnazione piuttosto che una contrazione.

Giovedì il governo tedesco ha annunciato 15 miliardi di euro (16,5 miliardi di dollari) a sostegno aggiuntivo per consumatori e imprese. Il pacchetto include una riduzione temporanea dei prezzi del carburante, pagamenti una tantum alle famiglie e trasporti pubblici sovvenzionati.

L’inflazione e la guerra stanno smorzando la produzione mentre le interruzioni della catena di approvvigionamento peggiorano e la domanda di esportazione continua a diminuire, secondo un sondaggio separato dei responsabili degli acquisti di S&P Global pubblicato giovedì.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.