“Gli importi possono essere piccoli, ma sono di grande aiuto! Il programma PARE 1+1, prorogato per ulteriori tre anni

Un programma governativo che incoraggia i moldavi della diaspora a investire nelle località da cui sono partiti è stato prorogato di tre anni, fino al 2024. Denominato PARE 1+1, il programma prevede che il governo dia anche un leu per ogni leu investito dai moldavi restituito con denaro dall’estero. La condizione è di presentare il progetto di investimento alle autorità e che venga approvato a seguito di un concorso.

Più di 700 creazioni di impresa, così si misura la performance dei dieci anni del programma PARE 1+1, presentata dalle autorità pubbliche. Le statistiche di questo decennio comprendono anche un investimento familiare avviato a Chirileni, Ungheni, in un vivaio di goji, su una superficie di 6 ha. La coltivazione di questi meli è iniziata per caso, dice Elena Vetri. L’imprenditrice ha depositato la pratica nel 2019 per l’acquisto di un’asciugatrice, parte dei soldi provenivano dal figlio andato in Italia. Dopo aver portato frutta fresca in Polonia e Romania, ora vede il futuro nella lavorazione, motivo per cui aveva bisogno di nuovi investimenti.

“Ho due figli e sono entrambi all’estero. Sto entrambi pensando di tornare in campagna, ma aspettano entrambi che la mamma inizi l’attività e poi torneranno a lavorare. In pratica, dall’inizio, avevamo fragole e lamponi in tutto il paese. Ho portato i goji per il mio consumo, 200 piante, senza mai pensare che avrei fatto affari con loro. Quando vendevo un carico di casse di fragole e vendevo due casse di goji e io aveva lo stesso reddito, pensavo che il goji fosse molto più redditizio delle fragole o dei lamponi. E così, a poco a poco, ogni anno, liberavo un ettaro di piantagione di fragole o lamponi e piantavo il goji. È meno lavoro fisico e il reddito è più alto.”

In generale, i critici del programma incolpano i governatori che le somme offerte a coloro che vogliono investire i loro sudati soldi all’estero sarebbero piccole rispetto ai bisogni. Elena Vetrici dice che questo aiuto le è stato molto utile.

“Abbiamo vinto prima il progetto PARE 1+1 per l’essiccatore di ODIMM, poi di donne in affari con la macchina per l’estrazione del miele d’api, perché ho anche 100 famiglie di api e dal 2020 ho vinto il grande progetto di donne in affari dove abbiamo acquistato una linea di lavorazione delle bacche di goji mescolate ad altre bacche, per ottenere succhi e marmellate.

Ma se non fosse stato per il progetto, chissà se li avrei comprati…

Forse gli importi sono davvero piccoli, ma sono comunque di grande aiuto. Io ad esempio, nel 2019, se non avessi avuto il supporto dell’ODIM – PARE 1+1, non avrei acquistato l’asciugatrice. Come potrebbe non essere così, 250.000 sono soldi, in pratica ne ho aggiunti circa 300.000 e ho comprato i due essiccatori e li sto benissimo, anche se non hanno una capacità molto grande. Ma se non fosse stato per il progetto, chissà se li avrei acquistati”.

Responsabile per le imprese avviate con il denaro dei migranti all’interno dell’Organizzazione per lo sviluppo del settore delle piccole e medie imprese, Olesia Frunza, afferma che più della metà dei progetti PARE 1+1 riguarda l’agricoltura, comprese le nuove tecnologie in agricoltura ei settori innovativi. Anche le iniziative di servizio sono popolari.

“Il programma offre anche un modulo di formazione imprenditoriale che consiste in dieci giornate di formazione, durante le quali i lavoratori migranti e i parenti di primo grado possono ricevere conoscenze sulla registrazione delle imprese, sulla normativa in materia, ma anche sullo sviluppo di un business plan Ad oggi, più oltre il 48% dei beneficiari sono giovani di età inferiore ai 35 anni, allo stesso tempo è aumentata anche la quota di donne che gestiscono un’impresa: in tre anni era del 27%, ora il 32-33% sono donne che gestiscono un’impresa”.

Aurelia Lelica, che ha un’impresa di fiori a Sociteni, Ialoveni, è anche una delle beneficiarie del programma PARE 1+1, dopo aver vissuto insieme per più di dieci anni con il marito in Italia. Accoglie con favore l’idea di accompagnare chi vuole tornare a casa, anche se spesso non si tratta di soldi, ma di accompagnamento o accompagnamento. Dopo diversi anni di aiuti di Stato, l’anno scorso il suo progetto non è stato più sostenuto, ma l’azienda continua da sola. Tuttavia, Aurelia Lelica ha alcuni suggerimenti per chi gestisce il progetto.

“Non ha finalità e questo è il problema più grande, perché apri l’attività, fai i primi passi, cioè all’inizio va molto bene, ma loro non ti supportano, alla fine tu “Sono deluso. Penso che circa il 70-80% non si sviluppi ulteriormente perché non ha supporto, per venire ad aiutarli, guidarli, vediamo dove si blocca? Non al livello di andare in giro con un bastone con la polizia, con il fisco, con qualsiasi altra cosa, ma per vedere qual è il motivo per cui non si sviluppa, perché ci sono molti che sono venuti, hanno provato ad aprire qualcosa, si sono bloccati , chiusero e se ne andarono”.

Il capo dell’ODIMM, Olesea Frunză, precisa invece che il follow-up e la consultazione post-investimento continuano per almeno due anni dopo l’accettazione del progetto. Più dei ¾ delle iniziative sostenute provengono dalle aree rurali, lo Stato assume quindi lo sviluppo dell’iniziativa liberale nelle località più lontane dalla capitale, che si stanno ancora sviluppando senza altri incentivi di bilancio.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.