Bonus 200 euro in Italia. Le domestiche e le pulizie presenteranno una domanda al CAF per ricevere la sovvenzione


Il governo italiano ha deciso di aiutare le famiglie con un contributo una tantum di 200 euro che sarà raccolto da lavoratori e pensionati. Beneficieranno del bonus i dipendenti, i pensionati, il personale domestico (assistenti, colf, tate, ecc.), i disoccupati, i beneficiari del reddito di cittadinanza (reddito di cittadinanza) ei lavoratori stagionali.

L’indennità unica di 200 euro andrà a chi ha un reddito inferiore a 35.000 euro, ovvero 13,7 milioni di dipendenti e 13,7 milioni di pensionati.

Il denaro arriverà ai beneficiari con lo stipendio di luglio, senza alcuna richiesta da parte dei dipendenti.

Tuttavia, alcune categorie di beneficiari dovranno presentare domanda all’INPS. Conforme ciclo continuosi tratta di: lavoratori domestici (750.000), disoccupati (1,1 milioni), lavoratori con contratto co.co.co (270.000), lavoratori stagionali, lavoratori dello spettacolo o con contratto di lavoro intermittente (300.000), acquirenti di nazionalità (900.000) .

– Continuazione dell’articolo dopo l’annuncio –

I lavoratori domestici (assistenti infermieri, donne delle pulizie, tate, ecc.) devono presentare domanda per beneficiare del bonus di 200 euro direttamente all’INPS o allo sportello del CAF, a partire dal 15 giugno. Il denaro sarà ricevuto solo se i datori di lavoro sono in regola con il pagamento dei contributi, precisa. PMI.it.

Un fondo ad hoc di 500 milioni di euro sarà utilizzato per finanziare l’assegno unico per i lavoratori autonomi. Dipendenti e studenti riceveranno anche il voucher per i mezzi pubblici, del valore di 60 euro, utilizzabile fino a dicembre.

Altri articoli di seguito

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.